Migliora leggibilitàStampa
12 ottobre 2018 , ,

Mark Lanegan & Duke Garwood

WITH ANIMALS

2018 - Heavenly Recordings
[Uscita: 24/08/2018]

Stati Uniti-Inghilterra   #consigliatodadistorsioni  

 

Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals

Nella solitudine della casa losangelina di Mark Lanegan in cui Duke Garwood si trovava come ospite, il chitarrista inglese ha trascorso il suo tempo incidendo su un registratore a nastro Tascam alcune idee estemporanee. Una volta rientrato, Lanegan ha aggiunto a quelle musiche le proprie parole, dando vita a “With Animals”. Ecco allora che le canzoni sono scaturite come una spontanea organizzazione del caos, salvate  da un magma oscuro sul bordo del quale ci sporgiamo per mirare come Narciso la nostra finta bellezza. Lanegan ha sempre avuto il coraggio di affrontare la strada stretta dei propri demoni guardandoli dritto negli occhi, all’ombra di un cielo nero squarciato dalla poesia del disincanto. Garwood è il compagno perfetto per addentrarsi nei recessi di un sentiero catartico, maestro dell’armonia di un blues ancestrale suonato per assecondare una recondita necessità. I brani sono avvolti da un’aura spettrale, resa ancora più scarnificata dall’uso di una elettronica minimale a cui Lanegan ci ha abituati già dai tempi di “Blues Funeral”.

 

l&gGarwood ha scritto la musica della quasi totalità dei brani connotati da suoni trascendenti e terreni nello stesso tempo, in cui la chitarra diventa altro da sé scomponendosi in un flusso limaccioso di coscienza. La salmodia ipnotica dell’opener Save Me è una danza sull’orlo dell’abisso, così come la successiva Feast to Famine contiene la stessa desolante attesa dell’apocalisse descritta nel romanzo “Galveston” di Nick Pizzolatto. My Shadow Life ha un cuore decadente il cui spazio è occupato dallo splendido arpeggio e dal clarinetto di Garwood, mentre con Upon Doing Something Wrong siamo nella stessa dimensione folk di “Field Songs”. L.A. Blue è una danza al crepuscolo oltre cui risuona il baratro della dannazione. Nelle pieghe di Lonesome Infidel o di Ghost Stories troviamo il Lanegan più accorato la cui voce trasuda ad ogni nota vita vissuta, la stessa che si percepisce nel classicismo di One Way Glass. “With Animals” è un album in linea con l’eccelsa produzione laneganiana, sempre attraversata da una sentita umanità e da un senso profetico della imminente fine di ogni cosa. 

 

Voto: 8/10
Giuseppe Rapisarda

Audio

Video

Inizio pagina