Migliora leggibilitàStampa
25 dicembre 2017 , , ,

Roswell Rudd

Ricerca e sperimentazione

2017

RRudd                                1935 - 2017

 

Il trombonista e compositore Roswell Rudd (Sharon, Connecticut, 17 novembre 1935) si è spento all’età di 82 anni nella sua casa di Kerhonkson, NY, il 21 dicembre scorso a causa di un male incurabile. Tra i primi specialisti del trombone del jazz post be-bop e hard-bop, il suo lungo percorso artistico (oltre sessant’anni di attività) è caratterizzato da una costante volontà improvvisativa, delineata in ampi contesti di ricerca (dall’America all’Asia, dall’Europa all’Africa). La sua cifra stilistica si fonda sull’incontro della tradizione (Kid Ory e Tricky Sam Nanton) con l’innovazione sperimentale, innovando il linguaggio della purezza stilistica (J.J. Johnson) aprendo nuove vie con altri trombonisti quali Albert Mangelsdorff, Paul Rutherford e lo svedese Eje Thelin. Cresciuto in una famiglia di appassionati per la musica (il padre batterista, la madre cantante), ha frequentato la Yale University (1954-58), dove ha formato una jazz band tradizionale, Eli's Chosen Six, con cui ha inciso il primo album per la Columbia nel 1955.

 

Dopo essersi trasferito a New York City, dal 1960 al 1962 suona con il pianista Herbie Nichols: registra nel 1961 l’album  “New York City R & B (Candid) a nome di Buell Neidlinger e Cecil Taylor, con Clark Terry, Steve Lacy, Archie Shepp, Charles Davis, Dennis Charles e Billy Higgins. Incontra ancora Steve Lacy (con il quale raccoglie ed esplora le composizioni di Thelonious Monk e di Herbie Nichols) e comincia a frequentare i musicisti free jazz. Nel 1964, crea con il sassofonista John Tchicai il New York Art Quartet (foto a destra, con Lewis Worrell, basso e Milford roswruddGraves, drums), partecipa all’incisione della colonna sonora del film “New York Eye and Ear Control (Esp-Disk 1964) con Tchicai, Don Cherry, Albert Ayler, Gary Peacock e Sonny Murray; suona in Scandinavia (1965), registra con Gato Barbieri,  la Jazz Composer’s Orchestra e la Liberation Music Orchestra di Charlie Haden. Agli inizi degli anni ’70, intraprende ricerche etno-musicologiche sui rapporti tra il blues e le altre musiche popolari del mondo, lavorando a tratti da free lance. Nel corso degli anni '70 Rudd ha collaborato con numerosi artisti jazz dell’avanguardia europea come il pianista olandese Misha MengelbergEnrico Rava, con la pianista Carla Bley, il batterista olandese Han Bennink e la vocalist Sheila Jordan; nel 1978 incide in Italia con il Laboratorio della Quercia (Horo) una larga formazione con i migliori esponenti dell’avanguardia italiana e in duo con Giorgio Gaslini “Sharing” (Dischi della Quercia). 

 

Roswell Rudd and Archie Shepp Rotterdam de Doelen 10-1967.781-7Negli anni '80 è protagonista del concept album prodotto da Hal WillnerThat's The Way I Feel Now: A Tribute To Thelonious Monk” (A&M 1984) e registra con il gruppo rock NRBQ “Honest Dollar” (Rykodisc 1984) e “Wild Weekend” (Virgin 1989). Nel 1999 incide con Steve Lacy “Monk's Dream” (Verve) e con il ricostituito New York Art Quartet “35th Reunion” (Diw). Negli anni ’90 Rudd rientra con prepotenza sulla scena del jazz, esplorando di nuovo il repertorio di Herbie Nichols e iniziando una serie di viaggi in Mali e in Mongolia) collaborando con musicisti locali, tra cui Toumani Diabaté (kora); partecipa con il suo gruppo Trombone Shout Band al Festival au Désert a Essakane (Mali, 2004); nel 2005 scrive l’opera “Taki”, dedicata al celebre artista di graffiti, il greco Dimitrios Taki 183. Dal 2005 Rudd ha approfondito la sua visione di world music con “Blue Mongolweb_rudd_roswell_courtesycon la Mongolia Buryat Band (Sunnyside, 2005), collaborando  con il grande specialista di quatro, il portoricano Yomo Toro nell’album “El Espiritu Jibaro” (Sunnyside, 2007). La sua ansia di sperimentazione aveva anche prodotto nel 1999 una stupefacente performance live al St. Ann's Center di Brooklyn (N.Y.) con la band noise rock newyorkese Sonic Youth, ancora per il produttore Hal Willner, in uno dei concerti previsti per il suo progetto "Harry Smith Project-Anthology Of American Folk Music-Revisited", uscito nel 2006 su cofanetto CD-DVD quadruplo (Shout! Factory). ‎

 

Roswell-Rudd-and-Heather-Massie-HeroNel 2009 ritorna al jazz, con “Trombone Tribe” (Sunnyside), la risposta di Rudd alle concezioni bop di J.J. Johnson e Slide Hampton, gli ispiratori del trombone per il jazz meno incline alla sperimentazione. Negli ultimi due anni ha continuato la sua sperimentazione aperta collaborando con la cantante folk Heather Masse (insieme nella foto qui a sinistra) nel film “August Love Song” (Red House Records 2016) e con il tastierista Jamie Saft in “Strength & Power” (RareNoise Records 2016). L’ultimo album di Roswell Rudd è “Embrace” (RareNoise 2017), una raccolta di standard registrati con la pianista Lafayette Harris, il bassista Ken Filiano e il cantante Fay Victor. Quanto ha espresso Rudd per la musica di ricerca è ben racchiusa in queste sue parole, riferite alla sua esperienza in rudd - embraceMongolia: "Questi musicisti mongoli hanno sviluppato quel senso interiore di vibrazione musicale. È quello a cui tutti aspiriamo, per far sì che il suono si formi il più attentamente possibile prima di farlo passare attraverso un corno. Il corno è lì, solo così puoi far entrare il suono nel corpo di un'altra persona. Ecco perché mi piace praticare l'outdoor e suonare all'aperto. Inoltre ci sono cose di ispirazione da guardare: montagne, alberi, nuvole, grattacieli, cartelloni pubblicitari…". 

 

Luciano Viotto

Video

Inizio pagina