fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
19 agosto 2016 ,

Silent Carrion

SUPREMATISM EP III (Sol)

6 giugno 2016 - Autoproduzione

C’è qualcosa di magico, di ipnotico, di coinvolgente e di delirante, di profondamente disturbante e affascinante al tempo stesso nelle sonorità di Silent Carrion. Siamo di fronte a un solo-project, gestito in modalità assolutamente autonoma da un singolo artista del quale non sappiamo molto sulla reale identità, se non il fatto che risiede a Pieve di Bono, in provincia di Trento.

Nel sound di Silent Carrion sono racchiusi nobili ascendenti: c’è l’industrial dei Laibach e degli In the Nursery, la sperimentazione di Chris e Cosey, il minimalismo tagliente e allucinato dei Suicide, il post-metal di Marylin Manson e dei Nine Inch Nails, la new-wave dei Sound e dei Joy Division, un pizzico di alienazione suburbana di Aphex Twin… Un bellissimo cocktail ben agitato, ma non shakerato. Tutto, in questo EP della durata di poco inferiore alla mezzora, suona cupo, ovattato, tutto è trattato in modo da sembrare scuro, ascoltarlo al buio in cuffia è come tuffarsi in una sostanza solo apparentemente impalpabile, ma che avvolge, ipnotizza, alla fine uccide. Se avete degli incubi ricorrenti che logorano la vostra esistenza, in Silent Carrion troverete certamente per essi la colonna sonora ideale. 

 

Alberto Sgarlato

Social    


Audio

Video

Inizio pagina