fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
7 gennaio 2015

ILLacrimo

ILLACRIMO

2014 - Autoproduzione

Illacrimo ILLACRIMO Un EP di circa 25, questo lavoro omonimo di esordio degli ILLacrimo, registrato in Italia ma mixato a Londra presso il Fastermaster Studio da Matteo Cifelli. Leggendo le note di copertina emerge immediatamente il fatto che la formazione ruoti attorno a due chiare figure di riferimento: la cantante Federica Sara Falletta e il polistrumentista (principalmente chitarrista, ma anche impegnato al basso e alle tastiere) Davide-Kristof Acs (figlio di Jason Acs, un famoso direttore d’orchestra ungherese il cui nome è spesso associato alla collaborazione con Luciano Pavarotti).

 

Fatta questa premessa, le note sulla formazione nel CD si fanno un po’ caotiche: troviamo riportati infatti oltre ai due suddetti (chitarra e voce), anche il tastierista Raffaele Lamorte, il bassista Dario Vanoli e il batterista Alessandro Napolitano; ma immediatamente dopo c’è scritto testualmente che il basso e le tastiere in tutte le tracce, eccetto No Longer, sono suonati da Davide-Kristof Acs, che la batteria, ancora in tutte le tracce, eccetto No Longer, è di Dario Fiume, mentre Vanoli e Napolitano, riportati come titolari, hanno, di fatto, suonato solo nella suddetta No Longer, mentre il piano in tutti i brani è suonato da Alessandro Panella. Sembra quasi, quindi, che il disco sia frutto di due formazioni differenti, o meglio di una band “in divenire”, che ha preso forma in via definitiva solo durante le registrazioni, a fianco ai due co-leader Acs/Falletta.

 

Fatta questa precisazione, in realtà ciò non si avverte affatto e l’opera risulta invece perfettamente omogenea: su un tessuto di chitarre inequivocabilmente nu-metal si snodano arrangiamenti brillanti e variegati, come l’abbondante uso di piano e di sintetizzatori dalla solennità molto prog in 1000 reasons to?, certamente l’episodio migliore dei cinque presenti, per passare a una svolta più acida nella durissima Chains in the cold. La voce della Falletta è davvero molto bella, versatile e capace di sfumature che vanno dal delicatissimo al graffiato, con una estensione di tutto rispetto, ma forse sarebbe d’uopo un po’ più di cura nella pronuncia inglese, che a tratti risulta “scandita” in un modo alquanto scolastico. Pur tuttavia, il consiglio è quello di proseguire a comporre in lingua inglese perché la conclusiva Non credi, unica traccia in italiano delle 5 presenti, dimostra che la lingua della nostra nazione non si sposa affatto al sound di respiro internazionale di questa band.

 

Alberto Sgarlato

Uscita 23 ottobre 2014

 

ILLacrimo Facebook


Audio

Video

Inizio pagina