Migliora leggibilitàStampa
9 maggio 2017 , , ,

Robyn Hitchcock

ROBYN HITCHCOCK

2017 - Yep Roc Records
[Uscita: 21/04/2017]

Inghilterra    #consigliatodadistorsioni    

 

folderDopo ventuno album solisti ed essendo nel music business dal 1973, ci si potrebbe aspettare che il sessantaquattrenne signor Robyn Hitchcock inoltrasse la propria domanda di pensione  all’ENPALS della natia Inghilterra. Invece, nel miglior spirito della legge Fornero, eccolo sfornare questo disco eponimo, dimostrandoci di essere nel pieno delle sue facoltà di scrittore di canzoni pop. Anzi, ci stupisce ancora una volta con un album, lo possiamo dire sin d’ora, di grandissimo livello. Prodotto e registrato nel suo attuale domicilio, l’assolata Nashville, assieme al concittadino Brendan Benson, con una band ispirata nella formazione e nel suono ai suoi fidati vecchi Soft Boys (due chitarre elettriche, basso, batteria e armonie vocali, dice Robyn stesso), l’album rifulge di una serie di gioiellini a cavallo tra power pop, jingle jangle, psichedelia e, addirittura, honky-tonk, permettendoci di proclamarlo il suo miglior lavoro dagli anni ‘90 del secolo scorso.

13hitchcockNonostante dimori oltreoceano, il buon Hitchcock resta profondamente inglese nel modo di comporre e nelle innegabili radici, che riportano, ovviamente, alla buon’anima del mai abbastanza rimpianto Syd Barrett e al periodo più psichedelico dei Beatles. Non a caso, nelle note interne a "Robyn Hitchcock", come al solito scritte di suo pugno, l’artista definisce le proprie composizioni “miti inglesi, visti dall’estero”.

 

Robyn+HomepageGli arpeggi della chitarra elettrica magistralmente imbracciata da Robyn e il suo inconfondibile baritono noncurante conducono la danza, coadiuvati dall’altra chitarrista Annie McCue, dallo steel guitarist Russ Pahl, dal bassista Jon Estes e dal batterista Jon RadfordLe armonie vocali sono appannaggio di Grant Lee Phillips, Gillian Welch, Pat Sansone (Wilco), e dalla cantautrice Emma Swift: bastano un paio di accordi del magistrale “opener” I Want To Tell You About What I Want per attirarci dall’altra parte dello specchio, nel paese delle meraviglie musicali di un grande musicista. Non opponete resistenza, sarà un viaggio fantastico.    

        

Voto: 8/10
Luca Sanna

Audio

Video

Inizio pagina