Migliora leggibilitàStampa
23 gennaio 2017 ,

Umberto Tricca

MOKSHA PULSE

2016 - Workin' Label
[Uscita: 16/11/2016]

#consigliatodadistorsioni

 

Un'introduzione corale e solenne (Slow Passacaglia, dal sapore di un raga) ci conduce verso il percorso di elaborazione dell'opera prima del chitarrista Umberto Tricca, nel cuore di una stratificazione complessa di contrappunti melodici che si alternano a parti improvvisate su strutture armoniche cicliche ben definite. La musica ascende e discende dall'intensità di parti dedicate ai fiati (sax alto e clarinetto basso di Achille Succi e sax baritono di Giacomo Petrucci) nel contraltare di vibrafono (Nazareno Caputo) e chitarra, sino a momenti di tensione melodica in trio del leader accompagnato da contrabbasso e batteria (Gabriele Rampi Ungar e Bernardo Guerra, questi ultimi trovano spazio in brevi momenti anche in duo e il primo compie brevi soli come intermezzi), per poi fare ritorno alla compagine corale complessiva e ridiscendere verso un altro trio con uno dei fiati, negli intervalli scritti di brevi interventi d'insieme.

 

La traccia che dà il nome al disco, Moksha Pulse, rappresenta il vertice di tale costruzione piramidale, nella quale i fiati fungono anche da esemplare sezione ritmica con delle fughe di accompagnamento nella parte iniziale. Ma anche Empty Sky, da una riflessione iniziale di eleganza armonica di chitarra, alterna parti in cui tutti i musicisti si avvicendano sino a giungere al finale di alta tensione d'insieme, già anticipata in altri momenti del brano. Chango Rebel è un'altra imponente struttura ciclica con forme che si ripetono sino a divenire quasi un progressive rock. Lude, invece, traccia che chiude il disco ed unica non originale ma tratta non a caso dal repertorio di Vijay Iyer (indiano di origine), ha un tema ben distinguibile, non accavallato ad altre parti, esposto all'inizio e alla fine e che fa da viatico ai soli di chitarra, vibrafono e sax alto.

Un lavoro d'esordio molto promettente, per il leader e per l'intera formazione così composta, come anche per la proficua etichetta, Workin' Label, che lo ha pubblicato.

Voto: 8/10
Sergio Spampinato

Official     Social   

Workin' Label       


Video

Inizio pagina