Migliora leggibilitàStampa

Niagara

HYPEROCEAN

2016 - Monotreme Records – 11 tracce - 58:20 - Release date: 29 aprile 2016 (digital) / maggio 2016 (CD/ltd. ed., 180 gr. deluxe 2LP)
[Uscita: 28/05/2016]

#consigliatodadistorsioni  

 

niagaraAnticipato dal singolo club-friendly Escher Surfers, Hyperocean” evidenzia sin dal primo ascolto lo stato di grazia creativa del duo torinese, che è riuscito in soli quattro anni e mezzo, release dopo release, a perfezionare la propria formula sonora. Riascoltando il loro primo album “Otto” di tre anni e mezzo fa la sensazione è quella di trovarci di fronte ad una band assai differente da quella di questo “Hyperocean”, un concept-album sull’acqua, elemento naturale che ha anche inspirato il nome del gruppo. Non a caso il disco è infarcito di suoni liquidi e dilatati, accompagnati da voci e ritmiche opportunamente “trattate” in modo da sembrare registrate sott’acqua. Pur avendo i brani lunghezze tipiche da “canzone” (ad eccezione dell’intermezzo Firefly e della suite conclusiva Alfa 11), non sempre ne posseggono le caratteristiche, essendo piccoli gioielli dalle derive cosmiche, kraut ed electropop (nel senso più kraftwerkiano e algido del termine). Un disco ambient fortemente cinematico, ben stratificato, che a ogni ascolto lascia scoprire dettagli sempre nuovi, sfaccettato ma così coerente da risultare un’ora di vera e propria “immersione sonora”. 

 

niagaraLa musica dei Niagara continua a mantenere anche in questo nuovo disco la caratteristica psichedelica degli esordi, nonostante bassi e chitarre siano stati progressivamente abbandonati, album dopo album, in favore dei synth: immaginate una band post-rock che suona quasi esclusivamente con strumenti elettronici. Le voci in questo disco sono quasi tutte filtrate al vocoder o pesantemente “trattate” e tappeti di synth di cosmica memoria sostituiscono il “wall of sound” delle chitarre, mantenendo intatto il feeling psichedelico. Influenze IDM (tra l’Aphex Twin meno quadrato e gli Autechre), post-dubstep, indietroniche, hip-hop e trip-hop, voci di matrice pop dal gusto francese (Air, M83 su tutti), riff kraftwerkiani e dalle reminiscenze new wave completano il quadro di un disco-capolavoro che vede generi apparentemente distanti anni luce tra loro coesistere in un solo disco (o addirittura in un solo brano), con una maturità difficilmente riscontrabile in una band con meno di cinque anni di vita. 

 

Il suono internazionale dei Niagara (non a caso è riuscito a stregare sin dal 2012 la Monotreme Records, un’etichetta britannica che li sostiene nei tour europei) ha catapultato i torinesi direttamente nell’olimpo della nuova scena europea post-electro (o post-electronic), che proprio tratta queste sonorità “oblique”. Non fatevi ingannare dalla loro immagine “fresca”, sono tutt’altro che una band alle prime armi: Davide Tomat (attivo già dagli anni ‘90 in una serie di progetti musicali al confine tra rock ed elettronica) e Gabriele Ottino (arrivato sulle scene nei primi anni ’00) suonano insieme sin da ottobre 2007, con l’ingresso di Ottino (ex-voce e basso dei Milena Lovesick) nei N.A.M.B., band industrial rock capeggiata sin dal 2004 da Tomat (voce, chitarre e niagara1strumenti elettronici). I Niagara sono oggi un valido ibrido tra pop e sperimentazione, dal sound moderno, ma rispettoso dei maestri del passato. Grazie all’aiuto dell’ottimo batterista Paolo Scapazzoni (che suona anche in alcuni brani dell’album), Niagara diventa nei concerti una macchina tritasassi che riesce anche a trascinare il pubblico in una dimensione “altra”. Consigliamo di non perdervi questo gioiello italiano degli anni ’10 né dal vivo, né su disco, sicuri che ci riserverà numerose altre sorprese in futuro. 

 

 

HYPEROCEAN TOUR 2016

09.09 > Reverb Festival / Ferrara
11.09 > Festareggio / Reggio Emilia 
15.09 > WildElsa Festival 2016 / Staggia (SI)
16.09 > HEART Festival/ Villa Comunale – Trani (BT) 
17.09 > L'Acqua in Testa Music Festival XII edizione / Fiera del Levante - Bari
24.09 > Lanificio 25 - Napoli 

 

Voto: 9/10
Diego Loporcaro

Audio

Video

Inizio pagina