Migliora leggibilitàStampa
10 luglio 2016 , ,

Borderline Symphony

BORDERLINE SYMPHONY

2016 - Ikarus Records
[Uscita: 13/05/2016]

Svizzera-Italia-Bulgaria   #consigliatodadistorsioni     

 

borderlineCoverCantare in lingua italiana, inglese o tedesca proponendo sonorità psichedeliche, new wave o semplicemente pop all'interno di un camaleontico collage di melodie. E' iridescente l'idea Bordeline Symphony nata a Zurigo nel 2006 dall'incontro tra Luca Polloni e Filippo Argento, ambizioso binomio di musicisti attratto dalle atmosfere sessanta-settanta e dalla strumentazione vintage. Dopo l'auto-produzione di esordio in coppia nel 2012 (“Ragazze con le pistole”) è il solo Polloni (voce-chitarre e tastiere) a dare continuità al progetto originario pubblicando, praticamente come solista, l'extended “EP1”; adesso, supportato dal musicista di origine bulgare Dzhevret Sali (batteria-basso e percussioni) Polloni torna con un terzo episodio discografico battezzato semplicemente con il moniker della proposta musicale. Registrato al Dunastudio di Ravenna “Bordeline Symphony” viene distribuito esclusivamente in versione vinilica dalla label elvetica Ikarus Records. Al tour promozionale in partenza dalla Svizzera in settembre prenderà parte la valente Carmen Schoder abile performer nella doppia veste di bassista e voce in background.

 

borderline-symphonyLa riproduzione dello scratch del passaggio di una puntina su un 45 giri datato dell'Equipe 84 introduce Crisantemi, opener dall'incedere segmentato caratterizzato da una interpretazione impostata costantemente impegnata nell'assecondare i battiti di una ritmica, a tratti relegata esclusivamente a fare da sottofondo. La vicenda dell'informatico Snowden tiene banco in Rubik's cube,  traccia in lingua inglese dalle ottime sonorità alternative; Apoteosi per tutti si sviluppa su arditi intrecci eretti da muri di chitarre dal retrogusto post-punk mentre Schauspiel der grosszugigkeit (come Borderline-Symphony_2016deducibile dal titolo eseguita in idioma tedesco) è un passaggio decadente nella new wave di inizio anni ottanta che fotografa la drammatica crisi greca.

La cosa bella rimanda inconsciamente alle trame tanto care ai Baustelle con il suono sospeso della sei corde ed un recitato misurato e distaccato. Aperture di synth dal respiro pop-eighty e un cantato buttato via ci parlano de Il giorno più bello , mentre dagli scanzonati incisi (stile Madness) di Die jahreszeitlosen emergono tutto lo stress e il disagio dell'uomo moderno. Il passaggio orchestrale Waltz of wonderland prelude ad un convincente ed intrigante epilogo dell'album di stampo marcatamente rock, dapprima nella convulsa corsa di Goldrausch (in cui si fantastica dell'assurda storia di di un treno nazista carico d'oro interrato nelle lande polacche) e in seguito nei grezzi refrain R'n'R di Aeroplani neri in cielo.

borderline-symphony-musica-download-streaming-ep1Difficilmente catalogabile in un contesto ben definito Bordeline Symphony  appare un valido ed intrigante pot pourri dai mille risvolti sonori. L'idea di Polloni di confezionare una proposta così stilisticamente variegata costringe l'ascoltatore di turno ad addentrarsi nei disordinati contenuti musicali di una tracklist che si rivela solo passo passo senza mai cadere nella trappola della prevedibilità. E se il tutto contribuisce a non annoiare ed a tenere desta l'attenzione, può risultare non fondamentale stabilire quale sia la trasformazione musicale dei Bordeline Symphony maggiormente riuscita; quel che conta in fondo è il soddisfacente quadro complessivo dell'opera.

                                                                     

Voto: 7.5/10
Alessandro Freschi

Audio

Video

Inizio pagina