Migliora leggibilitàStampa
2 luglio 2016

Bullied to death

Giovanni Coda

2016 - Italia-Stati Uniti

Regia: Giovanni Coda - Cast: Tendal Mann, Gianni Dettori, Sergio Anrò, Assunta Pittaluga, Gianluca Sotgiu, Rachele Montis, Simone Aresu, Davide Esu, Nicola Lusci, Mario Melis, Maurizio Ciulla, Fabio Cappelli, Andrea Mammeli, Nicola Onnis, Luna Vignolo, Francesco Testa, Antonello Pisu, Andrea Massa, Marco Concas, Alessandro Pinna, Michelangelo Marras, Lynda Yara, Antonello Poddesu, Alex Asuni, Giacomo Pisano, Federico Proietti, Alberto Chessa, Salvatore Manca - Music Composers: Irma Toudjan, Marco Rosano, Cosimo Morleo, Arnaldo Pontis, Les Stik Fluo - Executive Producers: Zena Società Cooperativa - Producer: Atlantis Moon Productions - Durata: 75'

 

01BulliedPoster.ai.psEra difficile realizzare un nuovo film dopo il potente e straziante "Il Rosa Nudo", ripetere quell'impresa visiva che lacera gli occhi, getta il cuore sul filo spinato, facendolo sanguinare d'amore. Poteva essere impresa titanica, impossibile, poteva rivelarsi molto difficile trovare un secondo tema che avesse un altrettanto impatto emotivo, come il campo di sterminio omosessuale de Il Rosa Nudo: ebbene, Giovanni Coda ha superato la sfida con "Bullied to death", film sul bullismo giovanile che si manifesta contro i ragazzi che scoprono, purtroppo a loro rischio e pericolo, la propria sessualità, trans, gay.

Argomento sicuramente più che "attuale", in realtà eternamente presente attraverso i secoli in ogni società, e che ancora oggi non si riesce a sradicare dall'odio dei violenti/impotenti. Coda mi aveva anticipato: "questo secondo film è ancora più radicale del primo". Sicuramente è opera che richiama a un dolore vero, tuttavia lo svolgimento delle sequenze risultano magnificamente affascinanti.

 

TENDAL MANNCoda ha creato un linguaggio comunicativo assolutamente originale, connotato stilistico ormai riconoscibile alla prima inquadratura, esattamente il risultato espressivo che ottengono solo i grandi artisti. C'è da chiedersi dove li trova quegli attori decisamente insoliti, clamorosamente efficaci, dei suoi quadri viventi di Tragici Greci, dei personaggi di "Nostra Signora dei Fiori" di Jean Genet. Mi ricordano anche le performance che GIANLUCA SOTGIUfaceva Mario Mieli, quadri che si avvalgono di una colonna sonora composta da musicisti davvero notevoli, capaci di trasmettere un pathos scaturito dalle profondità del Mito e della Leggenda, quadri struggenti, stupendamente presenti, con la luce tagliente e divina di Caravaggio.

Il Rosa Nudo è stata, e sarà sempre la Matrice di un linguaggio innovativo, fantastico, sorprendente, che, a mio avviso, è ormai iscritto nel patrimonio genetico di tutti coloro che amano il Cinema. Con Bullied to death mi sono ritrovato in sala, con le lacrime agli occhi, al cospetto di un'opera sublime.  

 

 

GIANNI DETTORIVisioni del film

- 3 Luglio 2016: Milano Teatro Stelher (30° Festival MIX) 

- 5 luglio World Premiere - Melbourne Documentary Film Festival 

- 23 Luglio USA Premiere - Macon Film Festival - Macon Georgia Usa 

 

Cataldo Dino Meo

Foto 2: Tendal Mann - foto 3: Gianluca Sotgiu - foto 4: Gianni Dettori  

 

Il Rosa Nudo

 


Video

Inizio pagina