fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
10 ottobre 2016

Madden Waves

SHADES

30 settembre 2016 - Moquette Records

Sono un quartetto, vengono da Roma, cantano in inglese, suonano niente male. Questo in sintesi il profilo degli esordienti Madden Waves.
Nella controluce grigia di una cover ombrosa, si nasconde il frutto acerbo di un gruppo giovane, ancora distratto da tante suggestioni, ma ben sintonizzato su un rock indipendente e chiaroscuro. Volubile, ambizioso ma anche affilato ed affiatato, alla strenua ricerca di una direzione propria, che sia davvero personale e non solo la riscrittura di qualche genere ormai codificato.

 

Lee Kreky, David Pascucci, Daniele Saulle e Silvano Proietti, in questo EP di cinque brani, sintetizzano tante disparate suggestioni da profondi anni ‘90: da un post punk figliastro dei primi U2, a sprazzi di funk da Red Hot Chili Peppers; c’è spazio anche per un blues cromato e tirato a lucido come fosse un giorno di commemorazione triste. Posta in conclusione, Apparently At Home, che sembra un titolo (titolo, solo quello...) rubato da “Blonde on Blonde”, si risolve come un dimenticato unplugged dei Pearl Jam di “Vitalogy” che fa capolino nel nuovo millennio: semplice e intenso. Che sia eclettismo o solo indecisione lo dirà il tempo. Per ora la band ha mosso il primissimo passo in un territorio vasto e difficile con una ventina di minuti di musica godibile, ben interpretata e prodotta con professionalità. 

 

Giovanni Capponcelli

Social      


Video

Inizio pagina