fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
1 ottobre 2012

Preti Pedofili

FAUST

2012 - Autoproduzione

Preti Pedofili – Faust Un nome perfetto per fare musica che isola situazioni estreme di narrazione teatrale e rumori di sottofondo, che sfociano in una claustrofobia di feedback infiniti. Questo lavoro dei Preti Pedofili è quello che di più malato ed oscuro poteva venire fuori dal sottobosco musicale italiano; un Doom nevrotico che si perde in riff psichedelici che non trovano mai una fine, una litania di frasi parlate e urla da sgozzati, vomitati con una ferocia e una disperazione al limite dell'inquietante. Brani lunghissimi, impastati di distorsioni pachidermiche e rullate olimpioniche al rallentatore; si può trovare tutta la lezione dei Melvins nelle note di Impero, senza nulla togliere al cantato\parlato, tanto caro ai Massimo Volume. In la sera del 15 Ottobre continua la devastazione primordiale, fatta di chitarre sulfuree che sembrano venire fuori direttamente dall'Inferno e una sezione ritmica Space-Rock, che accompagna una messa malata e lenta, diretta in un mondo fatto di fiamme e zampe caprine.

 

La genialità macabra e allo stesso tempo ironica, fa di questo trio di Foggia un esempio di sperimentazione intelligente e coraggiosa; una specie di Stoner italiota, ben suonato e ben strutturato, arricchito da testi che ben si amalgamano all'atmosfera cupa e grottesca. Sei brani che si allacciano tra di loro in maniera perfetta, un concept infernale senza soste; un lavoro che sicuramente si digerisce al rallentatore, come la musica che viene proposta. I Preti Pedofili vi invitano alla loro messa, dove viene celebrata la lentezza assoluta dei giri di basso, il caos preciso e perfetto scolpito nelle rullate malefiche della batteria e le dissacranti e psichedeliche incursioni di chitarra, incorniciate da una voce che narra storie epiche direttamente dall'aldilà. Solo per il nome, meritano tutta la mia stima; il coraggio di questi tempi va premiato, la sperimentazione non è arte di tutti, i nostri Preti sanno come si canta la messa. Amen.

Luca Fiorucci

Video

Inizio pagina