fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
11 novembre 2014

Cadori

CADORI

2014 - Autoproduzione

Cadori CADORI Arriva il disco d’esordio per il cantautore di Avezzano, ma bolognese di adozione, Cadori  (all’anagrafe Giacomo Giunchedi)  che ha iniziato questo progetto ad inizio 2013 dopo alcune esperienze in band indie bolognesi. Atmosfere lo-fi e dream-pop per una lavoro che racchiude in nove tracce suoni semplici ma al tempo stesso accattivanti e testi che parlano di quotidianità in maniera spontanea e sincera. Ricordi, sogni, nostalgie, atmosfere tra il country e l’onirico, legate a visioni a metà tra la realtà ed il sogno, come a voler afferrare qualcosa di intangibile ma reale al tempo stesso, mentre l’utilizzo di della drum machine arricchisce il puro e semplice utilizzo della chitarra. Detto questo però, il lavoro nel suo complesso risulta correre, per quanto ben prodotto e ben suonato, su binari ben precisi e non particolarmente originali, lasciando una sensazione di già ascoltato che attenua quella di un ascolto altrimenti piacevole, rendendolo un po’ piatto nello scorrere delle tracce. Un paio di songs, Canzone nemica e Le cose (da cui è stato realizzato anche un video), curiosamente entrambe nella parte finale del disco, riescono ad emergere, ma è ancora un po’ poco per distinguersi nel mare del cantautorato indie italiano. Insomma, le basi paiono esserci ma vanno sviluppate meglio, comprensibile per un progetto di così breve vita.

Ubaldo Tarantino

Uscita: 4 novembre 2014

 

Cadori Facebook


Audio

Video

Inizio pagina