Migliora leggibilitàStampa
16 aprile 2014 , , ,

XXII Festival Beat

XXII Festival Beat 2-6 Luglio 2014, Salsomaggiore Terme


front-cover-copy1Il programma del XXII Festival Beat

 

Dopo il clima di trepidante attesa che si comincia a respirare a inizio di ogni anno per la line-up del Festival Beat di Salsomaggiore Terme,  stuzzicata da mezze anticipazioni e misteriosi indizi disseminati sulla pagina Facebook della manifestazione, finalmente è stato annunciato con un video promozionale il grosso del programma di questa XXII edizione che si terrà nella cittadina termale emiliana dal 2 al 6 luglio.

 

La parte del leone nel programma la fanno gli Standells, gruppo di punta della scena garage punk americana degli anni ’60, nati a Los Angeles nel 1962 come innocuo gruppetto beat-dance e poi passati nelle mani del produttore Ed Cobb che li ha trasformati in una grintosa rock band. Tra i gruppi più amati dai cultori del genere, gli Standells hanno1926149_594558307307181_5468536112577951931_o ripreso i loro tour dopo la recente scomparsa del batterista originario Dick Dodd e suoneranno a Salsomaggiore per un’unica data europea, riproponendo brani diventati ormai classici del garage come Dirty water, Sometimes good guys don’t wear white, Try it. La loro performance nella serata del sabato sarà preceduta da quella degli scozzesi New Piccadillys, band di impronta più beat, e dei nostrani Peawees, spezzini,  con un suono punk di ispirazione Fifties.

 

the-excitements32932Headliners della serata di venerdì sono gli energici Excitements, da Barcellona, uno dei gruppi più sorprendenti formatisi negli ultimi anni per quanto riguarda le sonorità soul e rhythm'n'blues provenienti dalla tradizione anni '50 e '60, grazie alla voce graffiante della cantante Koko-Jean Davis e al potente impatto sonoro degli altri musicisti. Sul palco con  loro i tedeschi Dukes dukes of hambourgof Hamburg, giovanissimi portatori di un suono garage-beat filologicamente impeccabile, e gli svizzeri The Jackets, il cui suono è invece garage di taglio più selvaggio e urlato, contaminato certo dall’eredità dei Cramps.

 

Più orientata verso suoni garage-psych la serata del giovedì che vedrà il live dei finlandesi The Mutants, con sonorità dalle forti influenze afro, e a seguire, nell’affascinate location dell’Hotel Cantuccio, l’esibizione dei Vibravoid, maestri di psichedelia acida da Düsseldorf. Per chi ama i suoni più duri, invece, l’appuntamento è per domenica sera con il punk’n’roll dei piacentini Morticia’s Lovers. Insomma, ce n’è per tutti i gusti  e il Festivalvibravoid Beat si conferma come il principale evento italiano per gli amanti delle sonorità che ruotano attorno agli anni ‘60. Restano da annunciare ancora un paio di gruppi in alcune serate e i nomi dei dj internazionali che ogni anno garantiscono giornate quasi ininterrotte di musica, dal primo pomeriggio, nella piscina Leoni, agli allnighter, dopo i concerti. Poi incontri, presentazioni di libri, interviste. Nel mezzo, come sempre, rimarrà giusto il tempo per riposare qualche ora.

Rossana Morriello

Video

Inizio pagina