Migliora leggibilitàStampa
26 gennaio 2014 ,

Marissa Nadler

JULY

2014 - Sacred Bones Records
[Uscita: 04/02/2014]

nadler# Consigliato da Distorsioni

 

Ritorna la bella Marissa Nadler, americana residente a Boston ed attiva ormai da 10 anni sulla scena indipendente. Una produzione di valore equivalente senza picchi assoluti, ma allineata in quanto a consistenza con le sue più stimate e valide connazionali, splendide interpreti come Laura Marling e Laura Veirs tanto per citarne due. Per il suo nuovo lavoro la Nadler si è affidata ad una nuova etichetta, la Sacred Bones Records, che detiene nel  catalogo artisti come Zola Jesus, The Men, Psychic Ills oltre al noto filmaker David Lynch. La nuova creatura ha nome "July" e viene a due anni di distanza dal precedente e non entusiasmante "The Sister" ma stavolta Marissa ha fatto le cose per bene e si sente. Possiamo tranquillamente definire questo disco il suo migliore e sicuramente quello della maturità compositiva. Mai in passato Marissa aveva composto delle ballate cristalline e lucenti come le 11 che compongono questa sua ultima fatica.

 

MarissaNadlerArrangiamenti volutamente minimali uniti ad una voce sognante fanno la differenza in "July" al punto da far pensare ad una bella ristampa del miglior folk dei settanta. Qualcuno magari ci troverà echi vocali della divina Hope Sandoval  ma dell'ammaliante e soporifero dream sound dei Mazzy Star qui non c'è niente, forse solo l'iniziale Drive: in questo album abbiamo in massima parte solo chitarre acustiche e pianoforte ad accompagnare le melodie della Nadler. Il tutto viene valorizzato dagli arrangiamenti di Eyvind Kang, insieme ai synths di Steve Moore ed alla chitarra di Phil Wandscher. Questo suo sesto disco in studio nasconde delle autentiche delizie. Difficile estrarre qualcosa che non sia mediamente buono, Firecrackers, le pianistiche I've got your name e Nothing in my heart sono ottimi esempi.  We're coming back, Dead city Emily e Desire sono gioiellini senza tempo, delicati acquerelli acustici di una grazia assoluta, davvero questi solchi regalano molte piacevoli sorprese. Altri validi ne verranno ma questo rimane un tesoro prezioso, brava Marissa.

 

Voto: 8/10
Ricardo Martillos

MARISSA NADLER/Sacred Bones Records  

 

Tracklist

 Drive

 1923

 Firecrackers

 We Are Coming Back

 Was It a Dream

 I've Got Your Name

 Desire

 Anyone Else

 Holiday In

 Nothing in My Heart

 


Video

Inizio pagina