Migliora leggibilitàStampa
6 aprile 2015

Bombino

Bombino 26 marzo 2015, Roma, Teatro Quirenetta


C'è stile nella musica e nella figura di Bombino, una splendida commistione di rock, blues e musica del deserto, una fusione perfetta tra Jimi Hendrix, Alì Farka Touré, un Sahara rock che accomuna molte sonorità di quella parte di Africa (l'area del Sahara sud-occidentale, ovvero Niger, Mali, Algeria), con il blues degli Stati Uniti, un rimescolare continuo di suoni che nella sua semplicità ci stupisce ancora di come l'Africa sia al centro di gran parte di musica che ascoltiamo e che abbiamo ascoltato in passato.

 

Musicista del Niger della tribù tuareg degli Ifoghas, Omara Moctar in arte Bombino - soprannome derivato dalla parola italiana ‘bambino’, da quando giovanissimo entrò a far parte della band di Haja Bebe - gira mezzo mondo in tour con la sua band, richiamando una quantità di pubblico trasversale sia di età che di gusti musicali, lasciando tutti incantati per i modi gentili e la gran classe della sua musica: che è un atto di resistenza politica, oltre che arte allo stato puro  e questo si avverte sul palco. Il pubblico non può far altro che “costringerlo” a uscire per un doppio bis. Andare a un concerto di Bombino in parole semplici, fa bene al cuore.

Lorenzo Vecchio

Fotografie di Lorenzo Vecchio

 

IMG_0020.jpgIMG_0088.jpgIMG_0096.jpgIMG_0097.jpgIMG_0138.jpgIMG_0139.jpgIMG_0159.jpgIMG_0161.jpgIMG_0166.jpgIMG_0179.jpgIMG_0207.jpgIMG_0213.jpgIMG_0216.jpgIMG_0217.jpgIMG_0230.jpgIMG_0236.jpgIMG_0238.jpgIMG_0244.jpgIMG_0253.jpgIMG_0265.jpg

Inizio pagina