fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
18 febbraio 2016

Pavese Rudie

PAVESE RUDIE

21 novembre 2015 - Baracca Records / Bizzarri Records

Pavese Rudie PAVESE RUDIEUna certa potenza di suono che attizza ed elettrizza pervade questa prova del romano Pavese Rudie che coadiuvato da musicisti provenienti da diverse band del giro reggae (ma non solo) italiano propone poco più di mezz’ora di ritmo saltellante e ondeggiante di grande piacevolezza.

Nonostante si avverta anche una certa “sinteticità” strumentale (campionamenti digitali et similia) il prodotto è accattivante e apparentemente sincero.

 

Reggae con qualche gradevole sfumatura hip hop (Tocho e Il mondo che vorrei) cantato prevalentemente in italiano dove si distinguono, tra le undici canzoni, l’ottima e tellurica Bass militant che apre il disco, l’atto d’amore verso la propria città Reggaeperoma, la deliziosa e canzonettistica Estate ancora pervasa appunto di ondeggiante calore estivo, Youth cantata in inglese e punteggiata da una tromba sinuosa, e Under mi style vigorosa e potente dichiarazione d’intenti. Conclusione con la più lenta e percussiva I’n’i che chiude un album divertente e oltremodo piacevole.

Come si addice a questa musica il basso di Giuliobass di Radici nel Cemento vola sugli accordi dinamico e pulsante e il dono felice della rima cantata condisce il tutto con un gusto leggero che contrasta con il groove pesante e dominante. Da ascoltare a volume alto per apprezzarlo al massimo e tentare, inutilmente, di restare fermi.

 

Maurizio Pupi Bracali

Social        Bizzarri Records     


Audio

Video

Inizio pagina