fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
21 maggio 2012

Alternative Trips

MY BEAUTIFUL SISTER

2011 - Trips Record Project

alternative tripsIl progetto Alternative Trips nasce a Ragusa nel 2009 ad opera del chitarrista Massimo Russo che dopo una ventennale gavetta che lo ha portato dall’iniziale amore verso il punk all’approdo verso una psichedelia anni settanta. Ad accompagnarlo in questa nuova avventura ci sono i suoi due fratelli, Gaetano al basso e Antonio alla chitarra, un multi traccia e una drum machine hanno infine aiutato Massimo Russo a portare a termine questo suo primo disco. “My Beautiful Sister” si compone di 13 tracce, tutte strumentali caratterizzate da un suono energico, con una base ritmica incisiva e incalzante, sulla quale le chitarre, ora distorte ora con accordature alternative, hanno modo di creare un tappeto sonoro acido ed ipnotico, buon viatico per i viaggi alternativi della nostra mente. Sono brani che rimandano ad esempi eccelsi del passato riletti in chiave attuale e che si inseriscono nella rinascita che la psichedelia sta vivendo in questi ultimi anni, per certi versi il sound dei fratelli Russo può essere accostato al suono di gruppi come gli Oresund Space Collective.

 

Le tracce più riuscite di questo “My Beautiful Sister” sono When your shadow will stop to follow you dai forti echi dei Pink Floyd più epici, Shouts loudly that you are running che insieme all’iniziale The trick id to keep breath fa venire in mente lo space rock lisergico e ipnotico degli Hawkwind, Exit 666 che suona come i Can alle prese con la celebre incalzante In A Gadda Da Vida degli Iron Butterfly.  Meno convincenti gli episodi in cui lo sperimentalismo chitarristico la fa da padrone come nella lunghissima, ben quindici minuti, The Sun Had A Strange Shape This Morning dove pure non mancano momenti suggestivi con il suono delle chitarre che sembra giungere da lontano simile al canto delle cicale in un torrido pomeriggio estivo, ma l’eccessiva durata del brano non giova al risultato finale.

Ignazio Gulotta

Video

Inizio pagina