Migliora leggibilitàStampa
26 aprile 2015 ,

John Wetton and The Les Paul Trio

NEW YORK MINUTE

2015 - Primary Purpose
[Uscita: 02/03/2015]

Inghilterra 

 

JOHN WETTON Les Paul TrioMogul Thrash, Family, King Crimson, Uriah Heep, Roxy Music, UK, Atoll, Wishbone Ash e Asia. Raccontare di John Wetton significa dover scomodare mezzo secolo di storia della musica. Il sessantacinquenne vocalist con la passione del basso di Derby ha condiviso infatti nel corso della sua luminosa parabola artistica le scene con mostri sacri del calibro di Roger Chapman, Robert Fripp, Bryan Ferry e Greg Lake - solo per citarne alcuni - scrivendo indimenticabili pagine rock, soprattutto prog. Autore tra l'altro di interessanti lavori solistici, in quest'ultimo periodo dopo la ripresa delle attività con gli Asia insieme agli amici storici Carl Palmer, Steve Howe e Geoffrey Downes - con quest'ultimo porta tuttora avanti un progetto parallelo denominato Icon  - Wetton nel 2013 si è reso artefice di un tour negli Stati Uniti, dove ha raccolto un apprezzato successo di critica e pubblico. Proprio nell'ambito di quel tour l'Iridium Club di New York, il 15 ottobre 2013, è stato scenario di una interessante performance acustico-live, nella quale, per l'occasione, l'artista inglese è stato supportato dalla  formazione di estrazione jazzistica The Les Paul Trio, composta dal chitarrista Lou Pallo, la contrabbassista Nicki Parrott ed il pianista Carlton Holmes. “New York Minute (Live at the Iridium, NY 2013)” riassume attraverso i nove brani della track-list parte della scaletta di quel concerto all'interno del quale Wetton ha omaggiato la platea rivisitando classici pop-rock, folk e persino soul.

 

johnwettonDo it again del duo Becker-Fagen è la traccia di apertura ed anticipa What's going on, successo del 1971 di Marvin Gaye. Una delle reinterpretazioni più azzeccate risulta senz'altro essere il tributo ai Beach Boys, quella God only knows estratta dal capolavoro “Pet sounds” del 1966. Per la parte centrale del disco John attinge a piene mani dal repertorio folk-rock di fine anni sessanta con due brani-manifesto quali  Can't find my way home dei Blind Faith di Winwood e All along the watchtower di Bob Dylan, mentre la scelta della title-track ricade sulla ballad New York Minute di Don Henley, che richiama nel suo titolo il centro statunitense teatro del concerto. Dopo il R'n'R beatlesiano Lady Madonna, l'epilogo obbligatoriamente  ricade sulla hit d'esordio degli Asia, il cavallo di john wetton les_paul_triobattaglia Heat of the moment, e su Battle lines, composizione da solista del 1994. Wetton esibisce in New York Minute (Live at the Iridium, NY 2013) l'abilità tipica del mestierante navigato, risultando piacevolmente arrogante nell'affrontare senza particolari indugi repertori di indiscusso valore artistico. I suoi estimatori saranno ben lieti di ascoltarlo al di fuori delle sue corde più classiche; per tutti gli altri questo live rappresenta l'occasione per apprezzare nuovamente una carrellata di canzoni senza tempo.

Voto: 7/10
Alessandro Freschi
Inizio pagina