Migliora leggibilitàStampa

Liebman, Rudolph & Drake

CHI

2019 - RareNoise Records
[Uscita: 22/02/2019]

Stati Uniti   #consigliatodadistorsioni     

 

a0318594636_16Una costellazione sonora di ritmi che si incrociano dentro stratosfere dell'Universo è questo incontro live al The Stone di New York l'8 Maggio 2018 fra tre giganti del jazz, il sassofonista bianco Dave Liebman e due tra i maggiori esponenti attuali della black music, Adam Rudolph e Hamid Drake, entrambi qui alle prese con diversi set di percussioni naturali e artificiali. I fraseggi sinuosi dei sassofoni di Liebman (tenore e soprano) attraversano come da sopra una navicella spaziale i territori estesi coltivati dalle poliritmie stratificate sino anche ai momenti di stasi in cui la pulsazione percussiva si ferma e si liberano i delay del sassofono (a metà di Flux, traccia che riparte poi con uno sfavillante drumming di Drake sino alla sfumatura finale). I ritmi poliedrici sono anche il punto di partenza verso le cavalcate di Liebman sui registri alti del soprano. Liebman però si cimenta pure con il piano (in Formless Form), con accordi talora lievi, talora grevi, che sprizzano come da una nuvola informe condensata sui vapori tenui delle percussioni.

Liebman_Rudolph_Drake_600_400Queste ultime esplodono alla fine in un movimento tribalistico rituale anticipato da un brevissimo cenno di canto di Drake e continuano nella successiva Emergence in cui Liebman, discendente degli standard di Broadway, si dimostra un grande improvvisatore di melodie di derivazione africana in una lunga danza che risuona da tutti gli angoli di una grande distesa. La traccia finale Whirl è anch'essa una forma sperimentale rituale di danza che si adagia su un motivo melodico creato sulle frequenze basse del sintir, strumento nordafricano suonato da Rudolph, cui si accavallano le percussioni di Drake (ma sembra un'intera tribù ad accompagnare!) e intervengono qua e là affondi di sassofono soprano e canti vocali. Un'esperienza sensoriale su più livelli da compiere all'ascolto.

 

Voto: 8/10
Sergio Spampinato

Audio

Inizio pagina