Migliora leggibilitàStampa
25 aprile 2016 ,

Simon Balestrazzi

A RAINBOW IN MY MIRROR

Gennaio 2011 - Magick With Tears-TiConZero - Limited Edition CD

balestrazzi_rainbow_in_my_mirro_1308081014

 

Simon Balestrazzi, personaggio eclettico della scena sperimentale italiana, nel corso degli ultimi 35 anni ha legato il proprio nome a gruppi che hanno fatto storia qui da noi come i Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.), Kino Glaz, Dream Weapon Ritual, Candor Chasma e ha collaborato con artisti del calibro di Z’EV, Ikue Mori, Elio Martusciello, Gianluca Becuzzi, Kirlian Camera e tanti altri ancora.

A Rainbow In My Mirror rappresenta il debutto “solista” di Balestrazzi: si tratta di una lunga suite di ventuno minuti registrata in due “take” (tempi) differenti, una nel giorno di equinozio d’autunno del 2009 e la successiva nel giorno di equinozio di primavera del 2010. Per la realizzazione di questa suite Balestrazzi utilizza sia strumenti acustici che elettronici: tra gli strumenti acustici troviamo una chitarra classica, un salterio (strumento a corde dell’antica Grecia appartenente alla famiglia dello zither), un cimbalom (una versione ucraina e ungherese del salterio) e un organo. Tra gli strumenti elettronici troviamo un synth VCS3 della EMS, il software per la sintesi modulare “Bidule” (della Plogue Arts and Technology, simile al più noto Max/MSP), mentre per i suoni concreti troviamo registrazioni di campo effettuate dallo stesso Balestrazzi e voci radiofoniche.

 

BalestrazziA Rainbow In My Mirror è una suite elettroacustica contenente elementi avant-folk e noise che, con lo scorrere del tempo, induce l’ascoltatore in uno stato di trance. Clangori, sibili, rumori industriali e metallici, suoni orientaleggianti, interferenze e molto altro ancora sono gli ingredienti di quest’opera astratta, visionaria ed evocativa. L’organo, che appare e scompare qua e là durante la composizione, e il VCS3 contaminano un mantra di atmosfere cosmiche tedesche tipiche degli anni ’70. Il package del disco è una elegante confezione cartonata (limitata a sole 474 copie) in formato A5 apribile raffigurante disegni di scheletri di gemelli siamesi. 

simonbalestrazzi_3A Rainbow In My Mirror è il primo capitolo di una serie chiamata "Magick With Tears" di quattro mini-album in CD (tutti con lo stesso packaging) curata dallo stesso Balestrazzi per la TiConZeroI successivi tre volumi comprendono lavori rispettivamente degli A Sphere Of Simple Green ("Untitled Soundscapes"), Uncodified ("Involucri") e Dream Weapon Ritual ("Another View"). Disco sicuramente meno strutturato rispetto a quelli dei T.A.C. e dei Dream Weapon Ritual, ma il tocco inconfondibile di Balestrazzi è qui evidentissimo in ogni minuto dell’opera, ostica e affascinante.    

                                                         

Ascolta  A Rainbow In My Mirror (estratto audio)

 

Diego Loporcaro
Inizio pagina