Migliora leggibilitàStampa
2 giugno 2012 , ,

Ty Segall & White Fence

HAIR

2012 - Drag City
[Uscita: 23/04/2012]

ty-segall-white-fence-hair# Consigliato da DISTORSIONI

 

Con Ty Segall il problema non riguarda mai le canzoni o la musica: in pochi, al giorno d' oggi, riescono ad esprimere al meglio questo suo approccio lo-fi unito a qualità nella scrittura. Casomai, il problema potrebbe essere un altro, ovvero l' assoluto immobilismo, cronico e talvolta autoreferenziale della sua proposta. Questa collaborazione con i White Fence non sposta di un millimetro il succo della questione, anche se poi l' album scorre via godibilissimo fra ballate psych-garage fra 60's e 70's, tentazioni jammistiche ricche di fuzz e spallate indie-rock. Il brano d' apertura, Time, per dire, potrebbe ricordare perfino una ballata Barrettiana al ralenti, così come l' organo acido di I am not a game porta echi di Doors ad un brano che incrocia i Beatles ed i Byrds più psichedelici, mentre The black glove/rag fa ancora meglio mettendo insieme Daniel Johnston e Syd Barrett ad abbronzarsi sotto il sole cocente dei texani 13Th Floor Elevators: suggestioni, accenni che svaniscono, anni sessanta e settanta che si alternano.

 

Così, mentre Crybaby è puro party sulla spiaggia, Scissor People viaggia più (post) punk e dissonante con un finale ossessivo nelle ritmiche e più rumoroso del solito. Il finale viene affidato alla ballata acida di Tongues che sembra svilupparsi in una pericolosa jam ma per fortuna i Nostri hanno il buon gusto di fermarsi prima che sia la noia a prevalere. Al netto di tutto il (musicalmente) già sentito e di quanto detto in precedenza non resta molto: ed è un vero peccato perchè il potenziale è notevolissimo. Vista la prolificità di Ty (pare ci sia già in cantiere un nuovo disco), la prossima uscita potrebbe fare centro pieno, ma forse sarebbe il caso di fermarsi un attimo, rilassarsi, e mettere a fuoco bene le idee: il rischio è quello che continui a divertirsi soltanto lui. Legittimo, per carità, ma è lecito aspettarsi qualcosa di più.

Andrea Fornasari

Audio

Inizio pagina