Migliora leggibilitàStampa
7 maggio 2014 ,

Thee Oh Sees

DROP

2014 - Castle Face Records
[Uscita: 19/04/2014]

thee oh sees dropArrivata alla ottava uscita dal 2007 a oggi, la formazione di San Francisco sembra aver perso (forse a buon diritto, avendo alle spalle anni di furiosa prolificità) la lena di un tempo e con questa uscita primaverile di Drop tira i remi in barca. Le canzoni difficilmente diventano coinvolgenti e dopo neanche tre brani si ha l’impressione di ascoltare il nulla: la formula improntata su “Putrifiers II” (2012) non cambia e se con “Floating Coffin” (2013) aveva trovato il modo di irrobustirsi con “Drop” sembra aver perso decisamente mordente. E’ sempre stato un po’ il punto debole dei Thee Oh Sees quello di ripetersi (soprattutto nelle melodie) ma il gruppo in altre occasioni ha trovato spunti per vestire in maniera differente il suo garage rock, che fosse nello stile più convenzionale di “The Master’s Bedroom” (2008), più imbruttito e lo-fi in “Warm Slime” (2010), più deflagrato e acustico in “Castlemania” (2011) oppure più psichedelico e sperimentatore come in “Carrion Crawler/The Dream EP” (2011).

 

In un certo senso Drop assomiglia a quest’ultimo, probabilmente il migliore della produzione della band: dove però Carrion Crawler sperimenta e indaga i ritmi e l’ossessione percussiva degna dei migliori kraut-rockers affinata al garage più sanguinolento e thrash, Drop addormenta con banali introspezioni chitarristiche thee-oh-sees(Encrypted Bounce, Savage Victory, Drop, Camera) canzoncine riempitive con tanto di riffoni (Put Some Reverb On My Brother, Penetrating Eye, Transparent World) e due marcette psycho-pop sonnolente e imbarazzanti (King Nose, The Lens).  Il disco peggiore della produzione dei Thee Oh Sees che getta anche dei dubbi sul futuro del gruppo. In definitiva resta davvero poco da dire: nove tracce che sembrano studiate per un garage-rock in scatolina ad uso e consumo degli utenti di Pitchfork e della Kexp, non di certo fresche e spontanee; nessun passo in avanti rispetto alle uscite precedenti, anzi un peggioramento preoccupante. Con tutta la buona volontà più di un 5/10 non ci sentiamo di assegnare a questo Drop.

 

Voto: 5/10
Ruben Gavilli

Video

Inizio pagina