Migliora leggibilitàStampa
5 febbraio 2014

Philip Seymour Hoffman

Vita e morte di un attore rock

2014

psh                        1967 - 2014

 

Gli amanti della musica rock che sono anche appassionati di cinema avranno ben presente la figura di Philip Seymour Hoffman, che in “Almost famous” di Cameron Crowe interpretava il leggendario critico Lester Bangs, e nell’esilarante “I love radio rock” di Richard Curtis era il Conte, uno dei dj che formavano l’equipaggio della strampalata nave di rockettari nel film ispirato dall’epopea di radio Caroline. Purtroppo Hoffman con molte rockstar ha condiviso anche il lato più oscuro, una dipendenza dall’eroina durata tutta la vita, resistita a molti tentativi di disintossicazione, al successo, a un matrimonio riuscito. L’interpretazione di un altro grande scrittore, Truman Capote, gli aveva fruttato l’unico Oscar e il Golden Globe, ma sommando premi vinti e nomination si arrivava a centoventisette. Hoffman aveva uno di quei volti “normali” che possono essere la fortuna di un attore: a seconda del personaggio si trasformava, diventava grasso o magro, giovane o vecchio, bonaccione o inquietante. Poco più che quarantenne è un credibile sessantenne in The Master, di Paul Thomas Anderson (per chi scrive il miglior film dell’anno scorso), dove domina la scena come avrebbe fatto Orson Welles, assecondato da grandangoli e panoramiche degne del maestro.

 

Era impeccabile ne “Il dubbio”, nel ruolo impegnativo di un prete forse pedofilo,  ma la sua versatilità lo aveva fatto scegliere dai maggiori registi americani, da Sidney Lumet - con cui sigla una delle sue migliori  interpretazioni (purtroppo premonitrici, per l' amore tenace nutrito dal suo personaggio per l'eroina) nel 2007 "Onora il padre e la madre (Before the Devil Knows You're Dead)", superba pellicola ingiustamente trascurata -  a Mike Nichols a Spike Lee ai Fratelli Coen. Era anche attore e regista teatrale, mentre al cinema aveva diretto un solo film "Jack goes boating”, una storia d’amore tra due personaggi non giovani e feriti, un film per fortuna privo di patetismi o del grossolano ottimismo che ammorba sciocchezze come “Il lato positivo”. Non era un divo, era naturalmentepsh simpatico e ciò nonostante riusciva anche nei ruoli negativi o ambigui. Prediletto dal cinema indipendente non disdegnava però i blockbuster, da “Mission impossible” alla saga “The hunger games”, che ora è in una fase di stallo sebbene Hoffman avesse girato quasi completamente la propria parte. Ancora una volta si rimane attoniti di fronte a una vicenda umana che contrasta con quella del personaggio pubblico: un uomo che superficialmente potremmo considerare baciato dal destino e chissà quali fantasmi si portava dentro. 

Alfredo Sgarlato

Philip Seymour Hoffman

 

Filmografia

  • Triple Bogey on a Par Five Hole, regia di Amos Poe (1991)
  • Szuler, regia di Adek Drabinski (1992)
  • My New Gun, regia di Stacy Cochran (1992)
  • Vendesi Miracolo (Leap of Faith), regia di Richard Pearce (1992)
  • Scent of a Woman - Profumo di donna (Scent of a Woman), regia di Martin Brest (1992)
  • Joey Breaker, regia di Steven Starr (1993)
  • My Boyfriend's Back, regia di Bob Balaban (1993)
  • Milionario per caso (Money for Nothing), regia di Ramón Menéndez (1993)
  • Getaway (The Getaway), regia di Roger Donaldson (1994)
  • The Yearling, regia di Rod Hardy (1994) - Film TV
  • Amarsi (When a Man Loves a Woman), regia di Luis Mandoki (1994)
  • La vita a modo mio (Nobody's Fool), regia di Robert Benton (1994)
  • The Fifteen Minute Hamlet, regia di Todd Louiso (1995)
  • Sydney (Hard Eight), regia di Paul Thomas Anderson (1996)
  • Twister, regia di Jan de Bont (1996)
  • Boogie Nights - L'altra Hollywood (Boogie Nights), regia di Paul Thomas Anderson (1997)
  • Culture, regia di Josh Gordon e Will Speck (1998) - Cortometraggio
  • Montana, regia di Jennifer Leitzes (1998)
  • Prossima fermata Wonderland (Next Stop Wonderland), regia di Brad Anderson (1998)
  • Il grande Lebowski (The Big Lebowski), regia di Joel Coen (1998)
  • Happiness - Felicità (Happiness), regia di Todd Solondz (1998)
  • Patch Adams, regia di Tom Shadyac (1998)
  • Flawless - Senza difetti, regia di Joel Schumacher (1999)
  • Magnolia, regia di Paul Thomas Anderson (1999)
  • Il talento di Mr. Ripley (The Talented Mr. Ripley), regia di Anthony Minghella (1999)
  • Hollywood, Vermont (State and Main), regia di David Mamet (2000)
  • Quasi famosi (Almost Famous), regia di Cameron Crowe (2000)
  • Love Liza, regia di Todd Louiso (2001)
  • Ubriaco d'amore (Punch-Drunk Love), regia di Paul Thomas Anderson (2002)
  • Red Dragon, regia di Brett Ratner (2002)
  • La 25ª ora (25th Hour), regia di Spike Lee (2002)
  • La doppia vita di Mahowny (Owning Mahowny), regia di Richard Kwietniowski (2003)
  • Ritorno a Cold Mountain (Cold Mountain), regia di Anthony Minghella (2003)
  • ...e alla fine arriva Polly (Along came Polly), regia di John Hamburg (2004)
  • Strangers with Candy, regia di Paul Dinello (2005)
  • Empire Falls - Le cascate del cuore (Empire Falls), regia di Fred Schepisi - miniserie TV (2005)
  • Truman Capote - A sangue freddo (Capote), regia di Bennett Miller (2005)
  • Mission: Impossible III, regia di J.J. Abrams (2006)
  • Onora il padre e la madre (Before the Devil Knows You're Dead), regia di Sidney Lumet (2007)
  • La famiglia Savage (The Savages), regia di Tamara Jenkins (2007)
  • La guerra di Charlie Wilson (Charlie Wilson's War), regia di Mike Nichols (2007)
  • Synecdoche, New York, regia di Charlie Kaufman (2008)
  • Il dubbio (Doubt), regia di John Patrick Shanley (2008)
  • Mary and Max, regia di Adam Elliot (2009) - Voce
  • I Love Radio Rock (The Boat That Rocked), regia di Richard Curtis (2009)
  • Il primo dei bugiardi (The Invention of Lying), regia di Ricky Gervais (2009) - Cameo
  • Jack Goes Boating, regia di Philip Seymour Hoffman (2010)
  • Le idi di marzo (The Ides of March), regia di George Clooney (2011)
  • L'arte di vincere (Moneyball), regia di Bennett Miller (2011)
  • The Master, regia di Paul Thomas Anderson (2012)
  • Una fragile armonia (A Late Quartet), regia di Yaron Zilberman (2012)

Hunger Games: La ragazza di fuoco (The Hunger Games: Catching Fire), regia di Francis Lawrence (2013)


Video

Inizio pagina