Migliora leggibilitàStampa
11 ottobre 2017 ,

Mark Lanegan Band

STILL LIFE WITH ROSES – GARGOYLE REMIXES

2017 - Heavenly Recordings
[Uscita: 29/09/2017]

Stati Uniti

 

Cosa spinga un’etichetta discografica, la Heavenly, a estrapolare da un album superbamente modulato, “Gargoyle” della Mark Lanegan Band, uscito a fine aprile e da noi recensito, una manciata di brani e stravolgerli alla luce di un canone tecnotronico, sia pure sotto l’alto magistero di artisti quali Adrian Sherwood, Andrew Weatherall & Co. riformulando l’insieme in un EP, è cosa alquanto inesplicabile. Benché il Nostro ci abbia abituati a operazioni del genere (Phantom Radio), lo stridore di un’operazione di dubbio gusto assume evidenza palmare. Obblighi contrattuali, clausole vessatorie? I sei brani di cui consta l’EP si snodano lungo un nastro sonoro assai scontato e piatto, sebbene gli stregoni elettronici siano tra i più rinomati della scena internazionale degli ultimi lustri.

Adrian Sherwood cura il remix di Nocturne, brano originariamente tuffato in atmosfere dark, con la voce di Lanegan, solo elemento che sopravvive all’interpolazione in oggetto, Lanegan-fotoche troneggia maestosa e sinistra. Weatherall cura ben due versioni dello stesso brano, Beehive. Blue Blue Sea riceve usbergo da Not Waving di Alessio Natalizio; così come Old Swan, sotto la voce tenebrosa di Mark, risente della vivisezione musicale di Corner Pye Audio, progetto spaziale di Martin Jenkins, già collaboratore dei formidabili Mogwai. A chiudere, Death’s Head Tattoo cui sovrintende la sigla Blood Music, ascrivibile a Grant Marshall. Prova discografica totalmente superflua. 

 

Voto: 5/10
Rocco Sapuppo

Official     Social   

Heavenly Recordings  


Audio

Inizio pagina