Migliora leggibilitàStampa
19 maggio 2017 ,

Chris Cornell

La dolorosa scomparsa di un’icona del grunge

2017

 chris-cornell 3                        1964 - 2017

 

La notizia arriva come un terremoto, inaspettata e tragica. Chris Cornell ci ha improvvisamente lasciati la notte tra il 17 ed il 18 maggio 2017 dopo un concerto a Detroit con i suoi Soundgarden, togliendosi la vita in albergo. Il perché del suo gesto non lo conosciamo ma il vuoto che lascia è già grande, difficile scriverne a caldo. Banalmente il pensiero va a pescare quella Say Hello to Heaven dei Temple of The Dog che, in coppia con Eddie Vedder, venne dedicata all'amico Andrew Wood, il cantante dei Mother Love Bone scomparso nel 1990. Chris Cornell nacque come Christopher John Boyle il 20 luglio del 1964 a Seattle, città culla per antonomasia del 'grunge rock', ribelle movimento musicale giovanile che tra la fine degli '80 e per tutti i '90 produsse l'ultimo (a tutt'oggi!) vero violento scossone al rock planetario. Del grunge Cornell divenne un'icona: possedeva una voce caratteristica che gli consentiva di produrre con potenza note ad alti registri, cosa che si prestava piuttosto bene ad un repertorio hard e heavy.

 

Temple-of-the-dogLa sua era però anche una voce che sapeva essere dolce e narrativa, come testimoniano molte delle sue ballate. Con i Soundagarden raggiunse la notorietà già sul finire degli anni '80 grazie all'album "Ultramega Ok" (1988) ma l'apice della carriera arrivò pochi anni dopo con la consacrazione di "Badmotorfinger" (1991) e "Superunknown" (1994), non prima però di aver inciso lo plendido omonimo album dei Temple of The Dog (1991) (foto a destra) assieme ai futuri Pearl Jam che stavano per nascere dalle ceneri dei Mother Love Bone. Dopo lo scioglimento dei Soundgarden (1997), Cornell si divise tra:

--- gli Audioslave, sorta di supergruppo nel quale condivise il ruolo di leader con il chitarrista Tom Morello (Rage Against the Machinedando alle stampe tre album tra il 2001 e il 2007 ---  una carriera solista di songwriter, cinque dischi incisi tra 1999 e il 2015. 

 

 

Chris-Cornell 1Tra i suddetti lavori a suo nome i più riusciti e ispirati sono "Euphoria Morning" (1999), "Songbook" (2011) e "Higher Truth" (2015). Sul fronte delle collaborazioni ricordiamo la sua presenza nel primo EP degli Alice In Chains "Sap" (1992) e in veste di coproduttore in "Uncle Anesthesia" degli Screaming Trees (1991). Da menzionare anche le canzoni comparse nelle colonne sonore delle pellicole "Singles", "Mission: Impossible 2" e "Casino Royale". Dal 2010 ormai i Soundgarden erano tornati assieme ricominciando a calcare i palchi per poi produrre nel 2012 il loro ultimo album "King Animal". Il parto artistico con cui Cornell si è congedato è una bellissima ballata, il romantico singolo The Promise, uscito il 17 Marzo 2017, scritta per i titoli di coda del film omonimo. ----- Non è facile accettare l'idea che Chris Cornell non sia più di questo mondo, un mondo nel quale ha lasciato in maniera indelebile il segno.

 

 

 MI0002493563

 

Mi sono perso dietro le parole che non troverò mai

Vengo lasciato indietro mentre le stagioni

passano velocemente    (Seasons)                          

 

 

 

 

 

     


Aldo De Sanctis

Video

Inizio pagina