Migliora leggibilitàStampa
16 aprile 2014

Due giorni di Musica Acusmatica a Bari


Locandina ACUSMA

Due giorni di Concerti Acusmatici a Bari, 18 - 19 Aprile 2014, presso la Cittadella Mediterraneadella Scienza (Via Accolti Gil, 2, Zona industriale). L'evento si intitola "Acusma - Teatro del Suono: Inaugurazione stagione acusmatica (ex festival Silence)". 

La musica acusmatica è un’arte sonora le cui opere sono realizzate in studio con suoni ripresi da microfono e/o sintetizzatore, manipolati e fissati su supporto analogico o digitale.

Si differenzia sia dalle elettroniche “di consumo” per l’assenza di suoni di batteria elettronica che scandiscono il tempo, sia dalla musica elettroacustica o elettronica dal vivo (di origine “colta” o “popular”) perché, in “concerto”, non sono presenti strumentisti che producono o elaborano suoni.

Infatti la musica acusmatica è un tipo particolare di musica creata per essere ascoltata tramite una complessa rete di altoparlanti, detta “acusmonium”.

L'acusmatica utilizza qualunque tipo di materiale sonoro, spostando continuamente il confine tra suono e rumore fino a considerare tutti i suoni esistenti o immaginabili potenzialmente idonei per la creazione artistica.

Ma cos’è la musica acusmatica? E’ un'arte sonora le cui opere sono realizzate in studio con suoni ripresi da microfono e/o da sintetizzatore, manipolati  e fissati su supporto analogico o digitale.

Si differenzia sia dalle elettroniche “di consumo” per l’assenza di suoni di batteria elettronica che scandiscono il tempo, sia dalla musica elettroacustica o elettronica dal vivo (di origine “colta” o “popular”) perché, in “concerto”, non sono presenti strumentisti che producono o elaborano suoni.

Infatti la musica acusmatica è un tipo particolare di musica creata per essere ascoltata tramite una complessa rete di altoparlanti, detta “acusmonium”.

L'acusmatica utilizza qualunque tipo di materiale sonoro, spostando continuamente il confine tra suono e rumore fino a considerare tutti i suoni esistenti o immaginabili potenzialmente idonei per la creazione artistica.

Il termine “acusmatico” viene coniato dal compositore francese Pierre Schaeffer (inventore della “musica concreta”) nel libro “Traité des Objets Musicaux” del 1966 e deriva da “akusmatikoi”, la scuola pitagorica i cui discepoli udivano il maestro parlare dietro ad un velo: nell’arte acusmatica, il velo è una metafora dell’altoparlante.

La rassegna vede come media partner anche il nostro sito DISTORSIONI e vede la partecipazione organizzativa del nostro collaboratore Diego Loporcaro.

 

                                                                                                                          P.W.B.

Inizio pagina