Migliora leggibilitàStampa
31 gennaio 2019 , ,

The Dandy Warhols

WHY YOU SO CRAZY

2019
[Uscita: 25/01/2019]

Stati Uniti    

 

dandy warholls imageI Dandy Warhols sono tornati con il decimo album in studio, “Why You So Crazy. Il 2019 segna il 25° anniversario della carriera della band, con un capolavoro in Capitol Records, nove album in studio e un documentario dannoso che li ha segnati come una delle band meno autentiche della musica rock alternativa. Tuttavia, i Dandies si sono dimostrati meritevoli più e più volte: un gruppo che, sebbene a volte patisce, ha chiaramente il potere di rimanere.La storia della band di Courtney Taylor attraversa quasi tre decenni, all'insegna di grandi album e capitoli da dimenticare. L'indie-rock che vira spesso verso il garage e lo shoegaze, un'indole pop che stempera e caratterizza le sonorità distinguendole da quelle imperanti in America a metà anni Novanta. Ciò che delude è la virata dei quattro verso sound sintetici che poco si addicono al background e al loro spirito. Ormai risucchiati in un vuoto creativo apparentemente senza fine, reduci da una battuta d’arresto lunga un decennio caratterizzata da una serie di album interlocutori, non proprio brutti - beh, forse qualcuno sì - ma di certo privi di quel motivo per rimetterli sul piatto più di un paio di volte. 

 

downloadI Dandies non sono riusciti a centrare nuovamente il bersaglio neanche per sbaglio perché, al di là di uno spirito vintage e citazionista, mancano le canzoni. Descritto come il loro grande ritorno “Why You So Crazy” presenta un promettente rock alternativo, neo-psichedelia e persino pezzi classici, ma quando la band si appoggia sulla traditional song americana si appiattisce. Sull’iniziale Fred and Ginger si può tranquillamente sorvolare, poi Terraform si lancia nella drastica psichedelia da dance club. Highlife è una folk song rockabilly cantata dalla tastierista Zia McCabe: di per sè non è terribile ma dopo la foschia stonata di Terraform il tono confuso della McCabe è quasi sorprendente. Le influenze del sud sono molto più piacevoli in Sins Are Forgiven e in Small Town Girls  ma un po’ ripetitive. Motor City Steel, brano spensierato su un cantato baritonale di Courtney Taylor-Taylor sembra scritto apposta per uno spot commerciale.

Poi l’album ha alcuni momenti eccellenti che non possono essere ignorati. Be Alright è una boccata d'aria fresca con un giro armonico catchy, una hit tutta da ballare. La distorsione trippy di To the Church, il pianoforte gotico di Forever, la foschia sperimentale di Next Thing I Know rimangono. Anche se ogni canzone di questo album ha un suo valore finiscono per svalutarsi l'un l'altra quando vengono suonate come un'unità coesa. Sebbene ogni canzone non sia terribile di per sé, semplicemente insieme non legano. Con un album che va dal rock alternativo al country, all’elettronica, alla musica classica i Dandy Warhols hanno dimostrato ancora una volta che, sebbene innegabilmente di talento, sono ampiamente sfocati nel loro stile musicale. Sembrano più efficaci quando attingono alle dandyloro radici psicologiche, mentre questa ostinata ricerca di innovazione non incontra ispirazione. Con Why You So Crazy rimane trendy l’approccio pop che è da sempre il marchio di fabbrica della band, ma non troppo si direbbe, perchè The Dandy Warhols  “love almost everyone" come dicono loro.

 

Voto: 6/10
Nino Colaianni

Video

Inizio pagina