Migliora leggibilitàStampa
19 settembre 2018 , , ,

Passenger

RUNAWAY

2018 - Nettwerk
[Uscita: 23/08/2018]

Stati Uniti    

 

passeL’Americana style viene esportato negli ultimi tempi dagli Stati Uniti anche con film e telefilm, basti pensare alle cinque stagioni di “Nashville” o al recentissimo “A Star Is Born”: un folk-pop d’oltreoceano ben definito che, per chi ama le definizioni, è strettamente legato a sonorità musicali derivanti dall’impasto di banjo e mandolino con una strumentazione più classica. Ed è in questo territorio che si muove Michael David Rosenberg, in arte Passenger, prolificissimo autore: questo “Runaway è lavoro a distanza di un solo anno dal precedente, e lui stesso ha assicurato che nel 2019 ne arriverà un altro; sorta di cantastorie dei giorni nostri che riesce sempre a mantenere non solo un mood semplice e immediato, cosa incredibile vista la sua inesauribile vena creativa, ma uno standard compositivo medio alto. Le tracce di “Runaway” rimangono nell’universo di riferimento dell’artista, ben piantate in un immaginario musicale che ha alla base una semplicità, chiarezza e soprattutto onestà compositiva non indifferenti.

 

Fin dall'iniziale Hell Or High Water si intraprende un classicissimo viaggio on the road in quei panorami omaggiati già dalla cover dell’album (sole, pietra e asfalto: le stranote, iconiche highway americane). Passenger rapisce raccontando con passe imagesinnocente meraviglia di amore e di sentimenti che a tratti, nei testi, sfiorano momenti poetici. Un posto sicuro dove avvolgersi e rilassarsi, senza sofismi né contorsioni autoriali, ma un disco costruito su ritornelli accattivanti, ritmi immediati, hit orecchiabili, che (attenzione) non vuole necessariamente dire musica da fast food. Ci vuole una vagonata di professionalità, e anche un non piccolo pizzico di bravura per restare profondamente mainstream senza risultare finto o finzionale. Michael lo sa, e continua a regalarci le sue composizioni piene di quello che vede e che sente: difficile stancarsene.  

 

Voto: 7/10
Gianlorenzo Franzì

Video

Inizio pagina