Migliora leggibilitàStampa
16 gennaio 2019 ,

Andrew Cyrille-Wadada Leo Smith-Bill Frisell

LEBROBA

2018 - ECM Records
[Uscita: 02/11/2018]

Stati Uniti   #consigliatodadistorsioni  

 

lebroba_frontPerché un titolo come “Lebroba? Un acronimo, che lega tra loro le iniziali delle città ove sono nati il trombettista Wadada Leo Smith (Leland, MI, 1941), il batterista-leader Andrew Cyrille (Brooklyn, NY, 1939) e il chitarrista Bill Frisell (Baltimore, MD, 1951). È un disco riuscito questo “Lebroba” inciso dal trio a New York nel luglio 2017, dove risplende la grandezza delle rispettive carature stilistiche che hanno attraversato, pur in mutevoli contesti, le vicende del jazz di ricerca e improvvisazione degli ultimi quarant’anni: diversi gli incontri passati tra il drummer e Leo Smith, mentre Frisell, che incontra qui per la prima volta Wadada Leo Smith, ha inciso nel precedente album firmato da Cyrille “The Declaration Music Of Indepent” (2014, ECM 2016). L’approccio che Cyrille ha voluto conferire all’album è proprio di quella forma trio (senza contrabbasso) non ancorata a stilemi prestabiliti e i colori che ne scaturiscono evidenziano una musica di matrice tenue, empatica, intimista e astrale, pur nella sua piena forza improvvisativa: qui Cyrille esprime quella straordinaria, garbata capacità di esplorare i suoni, di pennellare fruscii in luogo di un costante controllo ritmico.

 

cyrille_smith_frisell_pf1I cinque brani di “Lebroba” (per soli quarantadue minuti) si aprono con Worried Woman (firmato da Frisell, già in “Beautiful Dreamers”, Savoy 2010)  un blues ricco di emozioni intrecciate nei suoni di chitarra e tromba, con Cyrille a dipingere la cornice con rintocchi pulsanti. Nella lunga suite di Leo Smith Turiya (Alice Coltrane Meditations And Dreams: Love) (in quattro parti) si sviluppa una perfetta interazione strumentale nell’imprevedibilità del discorso ritmico, segnato dai tamburi sui fondali dove si mescolano il blues di Frisell e il soffio africano di Wadada. Firmato da Cyrille è il brano Lebroba, minimalista e bluesy nel contempo sulle Andrew_Cyrillecorde tremanti di Frisell, con la tromba di Smith che evoca lampi mingusiani, lacerti melodici sulle meditazioni pennellate dalla batteria. Il successivo brano TGD, firmato dai tre artisti (le iniziali di Trumpet/Guitar/Drums) è la sintesi espressiva free dell’album, dai colori scuri, con spruzzate di electric-guitar, fulmini di tromba e sfumature drummingLa ballad conclusiva  Pretty Beauty (il terzo brano a firma Andrew Cyrille, nella foto) è una tela impressionista e struggente, con la tromba di Wadada che evoca Miles Davis sotto lo sguardo dialogante di Frisell e l’accorta, impercettibile presenza dei piatti di Cyrille. Lebroba è una magnifica esplorazione di suoni, dove il timone sicuro di Andrew Cyrille guida una traversata blues (Frisell) nei mari free dell’Africa nera con Wadada Leo Smith.

 

Voto: 8/10
Luciano Viotto

Audio

Video

Inizio pagina