Migliora leggibilitàStampa
14 marzo 2012 ,

Pontiak

ECHO ONO

2012 - Thrill Jockey
[Uscita: 21/02/2012]

# Consigliato da DISTORSIONI

 

I Pontiak confermano la loro prolificità, rilasciando “Echo Ono”, sesto album in sei anni, sempre per la Thrill Jockey. L’etichetta di Chicago continua a dare credito alla nuova psichedelia, facendo uscire l’album dei Pontiak a breve distanza da quello degli Wooden Shjips. I tre fratelli Carney, Van alla chitarra e voce, Jennings al basso e Lain alla batteria, realizzano un disco decisamente più maturo, puntando alla concretezza e rinunciando alle divagazioni, con brani brevi (mediamente inferiori ai 4 minuti) e con forti echi di psichedelia garage degli anni 60, intrisi di tinte folk. Il risultato è decisamente buono anche se non ai livelli di intensità di “Sun on Sun” (2007) e “Maker” (2009). “Echo Ono” prende avvio con l’energica Lions Of Least, per passare a The North Coast e Left With Lighs, brani più duri ed impregnati di sonorità stoner.

 

Across The Steppe e The Expanding Sky rimandano al legame forte dei Pontiak con la propria terra (che poi è la catena montuosa degli Appalachi evocata anche dagli USX in The Valley Path) . Le folkeggianti Silver Shadow e Stay Out, What a Sight rallentano i ritmi, ripresi vigorosi con l’hard-blues di Royal Colors, mentre la lisergica Panoptica chiude un album caratterizzato complessivamente da un forte impatto cromatico ed espressivo. Le sonorità dei Pontiak trovano la loro massima forza espressiva nei concerti dal vivo, nei quali è possibile apprezzare al meglio la potenza e l’energia del loro suono, cosa che ho avuto modo di fare recentemente nella loro tappa romana del tour “Echo Ono”. Una buona conferma. 

 

Felice Marotta

Video

Inizio pagina