Migliora leggibilitàStampa
17 aprile 2014 , ,

Zu

GOODNIGHT CIVILIZATION (EP)

2014 - La Tempesta Dischi
[Uscita: 08/04/2014]

Zu_Goodnight_Civilization_EP_cover# Consigliato da Distorsioni

 

A cinque anni di distanza dall’ottimo “Carboniferous”, prodotto e pubblicato dalla Ipecac, etichetta del buon Mike Patton e dopo aver  cambiato batterista - ora dietro le pelli siede Gabe Serbian dei  fuori di testa Locust - tornano i nostrani violentatori di suono Zu con un EP di 3 pezzi nuovo di pacca, registrato a San Diego, California. Quindi avuto il giusto tempo per riposare un po’ le orecchie e ricaricare le batterie, anche se Luca T. Mai ha continuato a girare il lungo e largo con il sax ed il suo ottimo progetto Mombu, il trio ormai x 2/3 romano riprende il discorso da dove l’aveva lasciato. Solite schegge di follia sonora con basso martellante iper distorto, sax alto o baritono al limite di una crisi di nervi e batteria che regge a meraviglia  il gioco dei  suddetti tarantolati. Se ci fosse un esempio calzante di anarchia musicale, di assolutà libertà e nessuna regola o chiusura mentale, gli Zu musicalmente sarebbero tra i massimi esponenti di questa filosofia.

 

Non si riescono a catalogare in un genere musicale e di questo siamo convinti ne vadano fieri: resta il fatto che anche questa attitudine a concepire la musica ha contribuito a renderli una delle band della nostra penisola più famose ed apprezzate nel mondo. Il discoZu parte con il brano che dà il titolo all’EP: dopo un intro che farebbe gola a qualsiasi doom metaller, i tre partono con un jazz-core sincopato che però  si trasforma improvvisamente in un vortice di atmosfere plumbee, nere e sabbatthiane in un’alternanza continua, fino allo scemare del pezzo dove inizia un canto dal sapore decisamente arabo che chiude il pezzo.  Si prosegue con Silent Weapons For Quiet Wars, un botta e risposta psicopatico tra sax, batteria, e basso fino ad arrivare all’ultima e conclusiva Easter Woman, cover dei Residents, resa molto più violenta e stravolta, grazie anche all’ugola infernale prestata da Marc “Barney” Greenway  cantante dei Napalm Death. Siete pronti ad un viaggio sonoro da manicomio criminale di poco più di dieci minuti? Gli Zu sono tornati!!!

Voto: 7/10
Giovanni Mastrapasqua

Zu


Audio

Video

Inizio pagina