Migliora leggibilitàStampa
7 aprile 2018 ,

Sergio Sorrentino

DREAM: AMERICAN MUSIC FOR ELECTRIC GUITAR

2018 - Mode Records
[Uscita: 16/03/2018]

#consigliatodadistorsioni

 

Sergio Sorrentino è un musicista e chitarrista sopraffino che dedica questo nuovo proprio progetto interamente alla trascrizione, adattamento e registrazione di alcuni concerti americani per chitarra elettrica dell'avanguardia novecentesca, accomunati dalla dimensione del sogno. A questa rimanda non soltanto il titolo e le note di copertina del lavoro, ma anche la traccia di apertura del disco, un adattamento per chitarra elettrica dello stesso Sorrentino di Dream (composizione del 1948) di John Cage, l'autore più anziano tra i tanti celebrati in questo lavoro, tutti contemporanei, come Elliott Sharp e Alvin Curran solo per fare un paio di nomi. Per la maggior parte delle composizioni, compresa quella citata d'apertura di Cage, si tratta di prima registrazione in assoluto ed è sicuramente tale aspetto che conferisce all'intera opera un valore aggiunto nella prospettiva storica della ripresa e raccolta del materiale compositivo e della sua divulgazione così come nella 'impressione del sogno' a futura memoria.

 

Degna di nota e di grande curiosità è la presenza del compositore Morton Feldman, con una partitura oggetto di 'ricostruzione' da parte di Seth Josel e anche questa eseguita e riprodotta per la prima volta su cd da Sorrentino, The Possibility of a New Work for Electric Guitar del 1966, concepita dunque per chitarra elettrica da Feldman nei silenzi che scandiscono i suoni dilatati di singole note e armonici. La forma trasognata scorre per tutta la durata delle composizioni dentro e al di sotto delle combinazioni geometriche dei suoni che si predispongono a intervalli ripetuti in maniera regolare o irregolare. Un'estetica estatica del sogno d'oltreoceano che viene fuori dalle vibrazioni toccanti dei tocchi sulle corde e dalle relative eco che vengono percepite nei silenzi come prolungamento immaginario del suono negli spazi d'ascolto interiore. Il sogno sembra così prendere un'origine e una figurazione comuni al suono. 

 

Voto: 8/10
Sergio Spampinato

Social     Mode Records    


Audio

Video

Inizio pagina