Migliora leggibilitàStampa
28 gennaio 2018 , ,

Joe Perrino’s Grog

BOMBA W W LA GUERRA!

2017 - Minotauro Records
[Uscita: 15/12/2017]

joe perrino's grog bombaTorna sulle scene Joe Perrino, uno dei più longevi capisaldi del rock italiano, con oltre trent’anni di eclettica carriera alle spalle. Ancora accompagnato dai suoi Grog (John Solinas alle chitarre, Jim Solinas alle tastiere, Marcello Capoccia al basso e Gabriele Lobina alla batteria), l’artista sardo propone il suo sound duro e genuino nel nuovo EP “Bomba W W La Guerra!”, avvalendosi di una serie di notevoli collaborazioni. Suoni ruggenti e incalzanti, testi taglienti e un’indefessa attitudine rock ‘n’ roll: nel nuovo lavoro convergono tutti gli elementi migliori della cifra stilistica di Perrino. Si parte con l’esplosiva (è proprio il caso di dirlo) Bomba, che vede la partecipazione di G.L. Perotti (Extrema), un rabbioso rigurgito di hard-rock, crossover e heavy metal sul tema della caldissima questione palestinese, fino ad arrivare a una riproposizione di Madre, brano contenuto nel precedente lavoro “L’Esercito del Male” qui rivisitato in una suggestiva chiave di rock ballad-elettronica con la collaborazione di Gianni Marroccolo (Litfiba, CCCP, Csi, Marlene Kuntz tra gli altri).

Nel mezzo, un concentrato di suoni prepotenti e destabilizzanti, che ben si sposano con i testi di denuncia (La Più Grande Delusione, sull’annacquamento del diritto/dovere d’informazione) e di esplorazione intimistica (La Giostra di Momotti, Oltre il Dolore dell’Incomprensione). Il joe perrinobrano migliore del disco appare essere La Mia Piccola Hiroshima, che grazie alle programmazioni hip-hop/elettroniche del rapper Ergobeat (presente nel brano anche con il suo freestyle) crea una visionaria atmosfera orientaleggiante su un tessuto hard-rock che ben rende l’idea della costante ricerca che sottende al brano. Un disco ottimamente pensato e costruito; probabilmente il lavoro migliore del cantante sardo, arrivato a una piena maturità dopo un lungo vagabondare artistico.

 

Voto: 7/10
Riccardo Resta

Audio

Video

Inizio pagina