Migliora leggibilitàStampa
29 ottobre 2015 , ,

Lou Barlow

BRACE THE WAVE

2015 - Domino-Joyful Noise
[Uscita: 04/09/2015]

Stati Uniti   #consigliatodadistorsioni     

 

a2083453820_16Lou Barlow lascia nella sua scia artistica la seminale esperienza Sebadoh, grazie alla quale la definizione "lo-fi" diviene verbo per poi dare seguito a significative esperienze come Sedintroh e Folk Implosion e ritrarre così la sua personalità indie rock nella sua interezza. I suoi dischi firmati con nome e cognome, incluso questo "Brace The Wave", sono solo tre ma sono anche il ritratto più intimo e personale di un percorso d'autore, cantautoriale, di rara bellezza.

Se non altro resta preservata la sua identità artistica visto che nei Dinosaur Jr è inevitabilmente sempre troppo nell'ombra dell'estro creativo del buon J Mascis. Il sentiero solista di Barlow segna una nuova tappa in un lavoro ancora più intimo, più personale. E' un invito a entrare tra le sue mura domestiche e il suo vissuto. Da "Emoh" (Merge, 2005) in poi la sintonia con l'onda sonora che avvolge l'universo Barlow è raggiunta. 

 

E anche in "Brace The Wave" l'emotività in bassa fedeltà vibra dolcemente e travolge delicatamente i sensi restituendo all'ascolto pacata bellezza. Barlow non tradisce la sua natura intimista con la sua timbrica riservata e rassicurante, regalandoci ancora un disco di home folk intriso di significative suggestioni che attraversano la storia personale downloade artistica del musicista americano. Alle porte dei cinquant'anni Barlow si legittima un ulteriore disco dal marcato sapore analogico e dal pregevole impatto live, come fosse registrato, cinematograficamente parlando, in presa diretta.

Di fatto il disco è suonato interamente dallo stesso Barlow, favorendo l'immersione nel suo universo personale per dare vita a un disco loubarlow-2015-1incontaminato, da gustare tra mura domestiche in riservato relax. Registrato in solo sei giorni Brace The Wave è rock acustico la cui genesi estetica parte dagli anni ottanta senza voli pindarici, senza pretesa di innovazione linguistica o spirito sovversivo. Un vero e autentico esempio di indie rock non modaiolo. La storia del rock americano passa anche di qui.

Voto: 8/10
Anthony Ettorre

Audio

Video

Inizio pagina