Migliora leggibilitàStampa
26 settembre 2014 , ,

King Tuff

BLACK MOON SPELL

2014 - Sub Pop/Audioglobe/Kizmaiaz
[Uscita: 23/09/2014]

USA

blackQuesto con la Sub Pop è il quinto album di King Tuff: un disco fresco e diretto, senza fronzoli. Un garage dalle parti del punk-rock, con alcune sfumature che sanno renderlo più interessante rispetto alla media. La tile track con cui si aprono le danze è un ossessivo rock 'n' roll appena sfiorato da un luccichio glam, mentre Sick Mind è secco punk-rock e chitarre acid-glam assieme. Rainbows Run si presenta vagamente psych e ci fa pensare a qualcosa dei Black Rebel Motorcycle Club; la successiva Headbanger è invece un accattivante e robusto power pop.

 

Il tempo di ascoltare una ballata bubble-gum per chitarre elettriche (Beautiful Thing) ed una sbilenca filastrocca (I Love You Ugly), e subito si passa ad un (quasi) classic rock camuffato alternative, con il suo assolo elettrico un po' psych 70's. C'è poi il battito hard-glam kingrock di Madness a tenerci compagnia, così come il veloce punk-rock di Demon From Hell. Black Holes In Stereo gira sopra un riff elementare parecchio college-rock: punk melodico e divertente. Il brano più febbrile e acido del disco è senza dubbio Radiation, con distorsioni noise e voce filtrata; decisamente più cristallino il pop di Eyes Of the Muse. Si chiude con una ballata dai tratti psichedelici (Staircase Of Diamonds) e con un giro rockabilly sopra una tastiera ultra pop (Eddie's Song). Quattordici brani che scorrono piacevolmente grazie all'elettricità, alle melodie e all'urgenza, ma dotati anche di buon gusto e di una certa ecletticità. Insomma, decisamente gradevole.

 

Voto: 7/10
Andrea Fornasari

Audio

Video

Inizio pagina