Migliora leggibilitàStampa
19 luglio 2013

Claudio Rocchi

Sulle ali dell’amore

1951-2013 - Ariston, Cramps, Psych Out

claudiovoloCi ha lasciati il 18 giugno scorso, dopo una grave malattia degenerativa, Claudio Rocchi, musicista tra i più originali in Italia, che per le sue doti di anticonformismo e simpatia era apprezzato anche da chi ascoltava generi totalmente differenti. Nato a Milano l'8 gennaio 1951, lo racconta in una canzone, fu ragazzo prodigio: a diciotto anni suona il basso negli Stormy Six, scrive canzoni per Giovanna e altri e già nel 1970 incide il primo disco a proprio nome, “Viaggio”. È una raccolta di canzoni acustiche, dolci e intimiste, dai testi un po' ingenui ma emblematici della cultura giovanile dell'epoca. È comunque un disco valido, che mostra un valido talento melodico e la volontà di uscire dagli stilemi della canzone pop. Rocchi riesce pienamente nel proprio intento già col disco successivo “Volo magico n. 1”, una pietra miliare del rock italiano. Il brano omonimo, che occupa l'intero lato A, è una lunga suite tra psichedelia e progressive, con un grande lavoro alla chitarra solista di Alberto Camerini, uno che poi prenderà strade molto diverse. Vertice dell'album è La realtà non esiste, breve ballata pianistica che canta le tematiche della spiritualità orientale, canzone che, comunque la si pensi sull'argomento, non può che sbalordire per la perfezione e l'intensità letteraria.

 

claudioROCCHI-VOLOMAGICOI dischi seguenti, “La norma del cielo. Volo magico n. 2”, “Essenza” e “Il miele dei pianeti, le isole, le api” continuano su questa falsariga, non raggiungendo le vette di “Volo magico n. 1”, ma rimanendo su buoni livelli creativi, accentuando in alcuni brani, come La norma del cielo,  o L'arancia è un frutto d'acqua,  lo spiccato gusto melodico di Rocchi. Una curiosità: Rocchi scrive il testo italiano della cover di White Mountain dei Genesis cantata da Ornella Vanoni, Un gioco senza età. Quindi una svolta radicale coi seguenti album “Rocchi” e Suoni di frontiera, cui collabora anche Franco Battiato. Si tratta di dischi di musica elettronici, fatti da cut up, suoni ambientali, sperimentazione estrema. Gli ascoltatori all'epoca rimasero sconcertati. L'inquietudine umana porta Rocchi, così come l'amico Claudio Tofani degli Area, ad aderire al movimento Hare Krishna, dedicandosi all'insegnamento nell'ambito della comunità, ma senza abbandonare del tutto la musica.

 

Ricordiamo tra gli altri il disco “Ras mandal reggae”, altro disco che sconcerta l'ascoltatore con la sua fusione di ritmi giamaicani e tematiche della religione orientale ma pur sempre permeato da un bel gusto pop. Negli anni '90 Claudio Rocchi torna allo stato laico e si divide tra moltissime attività: incide nuovi dischi, ristampa materiale inedito o fuorirocchi catalogo, rifonda la rivista “Re nudo” ed è apprezzato conduttore radiofonico, soprattutto con “Radio Starship” su Rai Radio2. Indimenticabile la domanda che rivolgeva a tutti gli ospiti: “quali sono la tua peggiore qualità e il tuo miglior difetto?”. Nel 2003 dirige anche un film Pedra Mendalza, che egli stesso definisce “road movie psichedelico esoterico”, produce vari cortometraggi e appare come attore nel film (imbarazzante) “Musikanten” di Franco Battiato. In tempi recentissimi  collabora con l'etichetta di Ostuni Psych Out, per la quale esce nel 2011 un lavoro con gli Effervescent Elephants e due nell'Agosto 2012:  "Mirage" e "Concerti 1973/4/5", sino al suo testamento sonoro realizzato nel 2013 con Gianni Maroccolo "Vdb23/nulla è andato perso". Un artista attivissimo sino alla fine: di lui ci rimane anche un'ultima apparizione televisiva, ospite di Carlo Massarini nello spazio di Rai5 Cool Tour. A questo punto il lettore si aspetterà un commento finale del tipo lascia un vuoto incolmabile... ma non lo faremo. Per un musicista così grande e per una persona così unica parla la sua opera.

 

 

"La realtà non esiste”

 

Claudio_RocchiQuando stai mangiando una mela tu e la mela siete parti di Dio,
Quando pensi a Dio sei una parte di ogni parte e niente è fuori da tutto
Quando vivi tu sei un centro di ruota e i tuoi raggi sono raggi di vita;
puoi girare solo intorno al tuo perno o puoi scegliere di correre e andare
Quando dormi tu sei come una stella e il respiro è come fuori dal tempo;
Quando ridi è come il sole sull'acqua, sai che farne della vita che hai
Quando ami tu ridoni al tuo corpo quel che manca per riempire un abbraccio,
Quando corri sai essere lepre e lumaca se hai deciso di arrivare o restare
Quando pensi stai creando qualcosa, illusione è di chiamarla illusione,
Quando chiedi tu hai bisogno di dare, quando hai dato hai realizzato l'amore.
Quando gridi la realtà non esiste hai deciso di essere Dio e di creare.
Quando chiami tutto questo reale hai trovato tutto dentro ogni cosa.


Alfredo Sgarlato

Foto 3: la copertina dell'album "Suoni di frontiera" 

 

Discografia 33 GIRI

  • 1969: Le idee di oggi per la musica di domani (Ariston, AR/LP AR 10035; con gli Stormy Six)
  • 1970: Viaggio (Ariston, AR/LP 11020)
  • 1971: Volo magico n. 1 (Ariston, AR/LP 11067)
  • 1972: La norma del cielo (Volo magico n. 2) (Ariston, AR/LP 11088)
  • 1973: Essenza (Ariston, AR/LP 11112)
  • 1974: Il miele dei pianeti, le isole, le api (Ariston, AR/LP 11135)
  • 1975: Rocchi (Ariston, AR/LP 11279)
  • 1976: Suoni di frontiera (Ariston, AR/LP 11293)
  • 1977: A fuoco (Cramps, CRSLP 5451))
  • 1979: Non ce n'è per nessuno (Cramps, 5205 452)
  • 1980: Un gusto superiore (ISKCON; assieme a Paolo Tofani)
  • 1980: Ras mandal raggae (ISKCON)
  • 1981: Le meravigliose avventure del bambino più bello del mondo - (ISKCON)
  • 1982: I maestri della musica indiana (ISKCON)

CD

  • 1994: Claudio Rocchi (Lo scopo della Luna) (Mercury Records, 522883-2)
  • 1994: A fuoco (Mercury Records, 525566-2; ristampa del 33 giri del 1977)
  • 1994: Viaggio (Vinyl Magic, VM 044; ristampa del 33 giri del 1970)
  • 1994: Volo magico n. 1 (Vinyl Magic, VM 047; ristampa del 33 giri del 1971)
  • 1994: La norma del cielo (Volo magico n. 2) (Vinyl Magic, VM 048; ristampa del 33 giri del 1972)
  • 1995: I think you heard me right (Vinyl Magic, VM 055)
  • 1997: Visioni prima (BMG/Ricordi, 74321 51302 2)
  • 1998: Sulla soglia (Vinyl Magic, VM 063)
  • 2003: Non ce n'è per nessuno (Edel, CRA 0151992; ristampa del 33 giri del 1979)
  • 2008: Pedra Mendalza soundtrack (BTF, AMS 130CD)
  • 2009: Suoni di frontiera (Die Schachtel, DS18; ristampa del 33 giri del 1976)
  • Settembre 2011: Claudio Rocchi & Effervescent Elephants (Psych Out, PO-33023; con gli Effervescent Elephants)
  • Novembre 2011: In alto (Cramps, CRSCD 0211)
  • Agosto 2012: Mirage (Psych Out)
  • Agosto 2012: Concerti 1973/4/5 (Psych Out)
  • 2013: Vdb23/nulla è andato perso (autoprodotto; con Gianni Maroccolo)

Claudio Rocchi    

 

Articoli correlati su Distorsioni Blogspot: 

 

QUATTRO GRANDI DISCHI DALL' ARCIPELAGO ROCK ITALIANO ANNI '70: Claudio Rocchi, Alan Sorrenti, Franco Battiato, Juri Camisasca

 

di Ricardo Martillos, pubblicato in origine il 4 Febbraio 2011

 

Video

Inizio pagina