Migliora leggibilitàStampa
21 febbraio 2014 , ,

Roberto "Freak" Antoni

Miti di gioventù, e non solo

2014

freakHome2Ci sono personaggi che probabilmente in una storia ufficiale della creatività umana non saranno ricordati, però hanno saputo cogliere più di altri lo spirito del loro tempo, diventando così idoli di una generazione. Se, come chi scrive, siete tra quelli che hanno iniziato il liceo nel fatidico 1977 è possibile che un vostro idolo, insieme al fumettista Andrea Pazienza, sia Roberto "Freak" Antoni. Poeta, laureato con una tesi sui Beatles intitolata “Il viaggio dei cuori solitari”, fonda con Dandy Bestia, Stefano Sbarbo, Leo Tormento ed altri gli Skiantos. Gruppo di dichiarati non musicisti, in realtà semplicemente alieni al virtuosismo secondo lo spirito del punk, vengono etichettati come rock demenziale. In realtà non fanno altro che continuare la tradizione italica della canzone comica, che da Petrolini a Natalino Otto, da Carosone a Buscaglione passando per il Quartetto Cetra aveva spesso dato il meglio della musica nostrana. A questi Freak farà omaggio come Beppe Starnazza e i Vortici, accompagnato da grandi del jazz italiano.

 

Aggiungono un gusto della performance futurista, spaghetti cucinati sul palco, ortaggi lanciati al pubblico, magliette sbeffeggianti, che li rendono famosi tra i ragazzi. “Stagioni del rock demenziale Archeologia fantastica di modelli rock, (Feltrinelli, 1981) biografia immaginaria di un movimento inesistente, gira tra i banchi di scuola, si legge di nascosto nell’ora di religione. Gli studenti creano mille gruppikinott demenziali che non esisteranno mai nella realtà solo per il gusto di inventarne i nomi. Gli Skiantos pubblicano “Kinotto”, e il chinotto torna ad essere consumato nelle latterie delle piazze, anche in quelle rinomate per il frappè. Gli Skiantos cercano anche la consacrazione nazionale al festival di Sanremo, con Fagioli, ma tutti gli altri cantanti impongono: o noi o loro.  Nella realtà nasceranno molti altri gruppi di rock demenziale, ma tranne Elio e le Storie Tese (che citano un testo degli Skiantos già nel nome) nessuno sarà degno di essere ricordato. Freak lascia momentaneamente la musica per la poesia, sempre con stile demenzial-fulminante.

 

Non c’è gusto in Italia ad essere intelligenti (seguirà dibattito)” (Feltrinelli, 1991), raccoglie molte di queste, ma le performance dell’autore, che ha come spalla Roberto Citran, allora sconosciuto prima di essere lanciato da Mazzacurati come attore drammatico, nelle vesti del skiantosprestigiatore imbranato, sono eccezionali. Poi il ritorno alla musica e la rinascita degli Skiantos. Freak Antoni si cimenta anche nel cinema, e non poteva farlo che in “Paz” (2002) di Roberto De Maria, tratto dai fumetti di Pazienza, dove fa un apparizione anche Giovanni Lindo Ferretti. Sarà anche efficace protagonista della pellicola “Freakbeat” (Italia, 2011) di Luca Pastore, presentata al TFF 29° Torino Film Festival. Gli Skiantos arriveranno a calcare il palco del Teatro Ariston, ma nell’ambito del Premio Tenco. Nell’edizione dedicata ai quarant’anni dalla morte del grande cantautore incantano la platea con una canzone tristissima. “Grazie, coi vostri applausi ci confondete. Con qualcun altro”, saluta così un già sciupato Freak prima che gli altri lo portino via di peso come i gendarmi con Pinocchio.                                                                    (Alfredo Sgarlato)

 

Tra i suoi ultimi lavori segnaliamo "Dinamismi Plastici", inciso nel 2011 con la  Freak Antoni Band, "Però Quasi" EP del 2012 (CNI) con Ale Mostacci - ospiti Luca Carboni nella titletrack e Laura Bono in Dove sei -, il singolo "Buon Natale Però Rock"  (Ammonia Records, 2013) a nome Ariele e Freak. Al 2004 invece risale "IroniKontemporaneo" (Latlantide) con la concertista Alessandra Mostacci al pianoforte e R.F.Antoni alla voce recitante, che è anche uno spettacolo live, replicato da IroniKontemporaneo DUEnel 2007 (Latlantide/EMI). Si tratta di due lavori 'sperimentali' che sposano la corrente difreak antoni pensiero del 'Tendenzialismo', nei quali  le esecuzioni della Mostacci di brani inediti di compositori contemporanei (Gyorgy Ligeti, John Cage, Ludovico Einaudi, Friedrich Gulda, Erick Satie etc ...) si appoggiano alla poesia surreal-demenziale  di R.F.A. e viceversa. Invitiamo caldamente i lettori di Distorsioni a riscoprirli. Tornando ai tempi più recenti il 2013 vede la nascita di un'ennesima buova band, la Freak Flag Band, mentre esce "Biografreak", documentario del regista Emanuele Angiuli sui frequenti trasgressivi e coraggiosi spostamenti estetico-artistici del nostro.   

                                                                                                    (Pasquale Wally Boffoli)

 

                 

Discografia Roberto "Freak" Antoni"
 
IRONIKONTEMPORANEO 2004  (Latlantide)  
IRONIKONTEMPORANEO DUE    2007  (Latlantide)  
BALLA LA PACE 2009  (Latlantide)  
DINAMISMI PLASTICI 2010  (Ansaldi)  
 

IronikoPERO' QUASI EP   2012   (CNI)

BUON NATALE PERO' ROCK single (2013, Ammonia Records)

 

 

Alfredo Sgarlato - Pasquale Wally Boffoli

Roberto "Freak" Antoni  

 

Discografia SKIANTOS - Album studio

  • 1977 - Inascoltable
  • 1978 - MONO tono (ristampato su vinile da Spittle Records nel 2010)
  • 1979 - Kinotto (ristampato su vinile da Spittle Records nel 2010)
  • 1980 - Pesissimo!
  • 1984 - Ti spalmo la crema
  • 1987 - Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti
  • 1989 - Troppo rischio per un uomo solo
  • 1992 - Signore dei dischi
  • 1993 - Saluti da Cortina
  • 1999 - Doppia dose
  • 2005 - Sogno improbabile
  • 2009 - Dio ci deve delle spiegazioni

Video

Inizio pagina