Migliora leggibilitàStampa
3 aprile 2015 ,

Charlemagne Palestine-Rhys Chatham

YOUUU + MEE = WEEE

2014 - Uscita: 24 Settembre - Sub Rosa Records - 3 CD

USA   #consigliatodadistorsioni

 

150944Che il virtuoso musicista e compositore americano Martin Charles, in arte Charlemagne Palestine, incontri un altro grande esponente della scena sperimentale a stelle e strisce, Rhys Chatham, è già di per sé un avvenimento degno di soverchia nota. Che poi la loro collaborazione si coaguli attorno a un progetto di portata quasi biblica, come questo monumentale magma sonoro in triplo cd, “Youuu + Mee = Wee”, per la meritoria Sub Rosa, attribuisce al tutto lo stigma dell’eccezionalità. Entrambi provenienti dalla scena minimalistica, lato sensu, americana, in stretti rapporti di partnership artistica con figure del calibro di La Monte Young, col suo mirabolante progetto del Theater Of Eternal Music, o di Morton Subotnick, o, ancora, del grande Philip Glass, di Steve Reich, i due - più Chatham invero - non hanno disdegnato conati di collaborazione col mondo più ostico del rock sperimentale del noise e della no wave newyorkesi (Tony Conrad, Michael Gira). Presenti anche con prestigiose apparizioni in progetti di estrazione classica (Glenn Gould, Gustav Leonhardt). In questo fluviale triplo cd, i due rimarchevoli artisti si cimentano nella costruzione di architetture di liquida dissonanza, con tre tracce complessive, First, Second, Third, una per ciascun cd, per un totale di ben centosessantasei minuti, che contemplano Charlemagne Palestine al piano “preparato”, all’organo elettrico e alle tastiere e Rhys Chatham alla chitarra  e alla tromba, suonata obliquamente e schermata secondo matrici elettroniche.

 

sr367--rhystif-orangeL’esito è un mantra sonoro senza soluzione di continuità che coniuga tutti i canonici dettami della scena minimalistica classica con scale armoniche di ascendenza indiana. Un tappeto musicale ebbro di sinuose e accattivanti evoluzioni, di circolarità ossessiva, di frammentazioni improvvise di taglio spiraliforme, di quando in quando punteggiate dagli intarsi vocali, da sciamano, del prode Palestine. L’effetto è quello di una morbida devastazione cerebrale, un uovo di crema musicale che si scioglie tra le sinapsi regalando quiete. Atmosfere di grande suggestione interiore, veri e propri sr367--palestine-orange1paesaggi spirituali intrisi di cromatismi crepuscolari, con una prima parte più rettilinea, First, dominata più dal piano di Palestine e dalla tromba di Chatham, una seconda sovrastata dalle tastiere elettroniche e dalla chitarra distonica, a creare effetti chiaroscurali  di mero smarrimento da sinestesia minimalistica, una terza, Third, sostenuta da architravi di tastiere e tromba, con inserti di piano “cageano” a tramarne diabolicamente il tessuto. Un lavoro di estrema possanza espressiva, greve come un muro di tufo armonico  ma al contempo venato di linee di purezza marmorea, di preziose e celliniane cesellature musicali. Sontuoso. 

 

Voto: 8/10
Rocco Sapuppo

foto 2: Rhys Chatham     foto 3: Charlemagne Palestine  

 

TracklistCD 1: First - CD 2: Second CD 3: Third

 

Social Charlemagne Palestine           Official - Social Rhys Chatham 

 

Sub Rosa Records           Ascolta Second 

 


Video

Inizio pagina