Migliora leggibilitàStampa
18 agosto 2018 ,

The Mugshots

SOMETHING WEIRD

25 Ottobre 2016 - Black Widow Records

Italia

 

01 ESTERNO VINILE ...C'è veramente qualcosa di strano ("Something Weird") nel progetto inedito targato The Mugshots. E' partendo dalla fumettistica copertina di Enzo Rizzi (quello degli albi Heavy Bone per intenderci) che inequivocabilmente si intuiscono le stravaganti velleità del quintetto bresciano; il cruento accostamento tra il ritratto in bianco e nero della band, il pietrificatore di Lodi Paolo Gorini e il killer clown John Wayne Gacy sintetizzano l'omaggio alla controversa spettacolarità dell'icona ispiratrice Alice Cooper, preannunciando le teatrali ed oscure vocazioni di Mickey E.Vil (voce e synth), Erik Stayn (tastiere), Eye Van (basso), Gyorg II (batteria) e Priest (chitarre). Scorrendo la scaletta ci accorgiamo che i confini sonori della band non si limitano alle solite trame heavy-gothic ma si addentrano decisamente in contesti più complessi rimandando a risonanze dai tratti psichedelici, progressivi e rabbiosamente punk. Sotto la produzione artistica di Freddy Delirio (Death SS, H.A.R.E.M.), per la realizzazione di questo terzo album The Mugshots chiamano a raccolta una significativa schiera di musicisti.

 

The Mugshots (2)Tra i numerosi contributi presenti, si apprezzano le incursioni del fletless dell'ex Counting Crows Matt Malley e del flauto di Martin Grice dei Delirium nella lisergica Grey Obsession, le evoluzioni canore di Steve Sylvester (Death SS) in Scream Again  e quelle di Enrico Ruggeri in Sentymento. In tutto dodici tracce, di cui tre strumentali, composte in toto da Mickey E.Vil –estroso autore tra l'altro di apprezzati soundtracks di pellicole indipendenti canadesi- tra le quali vale la pena menzionare I Am an Eye (con Delirio alle tastiere) e la hard ballad Pain nella quale è presente un cameo del chitarrista Manuel Merigo dei metallici In.Si.Dia.

“Something Weird” è un mugcaleidoscopio dai caotici colori rock che sorprende per ispirazione ed energia. Tastiere sugli scudi, riff potenti e ritmiche arrembanti caratterizzano un album che difficilmente consente distrazioni all'ascoltatore di turno. Un tourbillon emozionale di difficile catalogazione tanti appaiono i pertugi sonori aperti e chiusi nel suo istrionico svolgimento. Una prova divertente e convincente; decisamente qualcosa di stranamente interessante.

 

Voto: 7/10
Alessandro Freschi

Video

Inizio pagina