Migliora leggibilitàStampa
20 febbraio 2018 , , ,

Tom Rapp

Rilucenti perle folk


TomRapp-1                          1947 - 2018  

 

Compositore, cantante e chitarrista americano di superbe qualità artistiche, attivo sin dagli anni '60 nella scena folk psichedelica (acid folk, freak folk) Tom Rapp è deceduto all'età di 70 anni. Ai cultori del suddetto genere musicale di nicchia è ben noto per essere stato dalla seconda metà dei sixties l'artefice della band-icona Pearls Before Swine, entrata nella storia soprattutto per due gioielli discografici: "One Nation Underground" (1967) e "Balaklava" (1968, foto sotto a destra), inossidabili al logorìo del tempo che passa implacabile, incisi entrambi per storica etichetta newyorkese free jazz/avant-garde/sperimentale ESP Disk, fondata nel 1963 da Bernard Stollman. Soprattutto in Balaklava affiorano accentuate affinità tra il pathos vocale e il lirismo di Tom Rapp e quello di Tim Buckley, che proprio in quegli anni incideva alcuni tra i suoi capolavori discografici. 

 

MI0002356546Nei primi anni '70 Tom Rapp realizza anche tre preziosi album solisti, "Stardancer" (1972, Blue Thumb Records), "Familiar Songs" (1972, Reprise R.) e "Sunforest" (1973, Blue Thumb Records, a nome anche Pearls Before Swine), che vanno ad arricchire il carniere suo e della sua band. Segue un lunghissimo tombale silenzio di più di 25 anni, interrotto nel 2.000 dalla pubblicazione di un altro capolavoro folk a tinte pastorali, dark e lisergiche: il disco feticcio "Journal of the Plague Year", per la Woronzow Records, etichetta garage alternativa di nicchia inglesissima, diretta emanazione di Nick Saloman e dei suoi Bevis Frond.

 

R-3128113-1317067998.jpegLo stesso chitarrista/produttore Saloman e il fido compagno Ade Shaw (Adrian Shaw) collaborano a Journal of the Plague Year, in cui accanto a carismatiche performance vocali di un Rapp/Bob Dylan dipendente - ma spesso ad essere evocato è anche l'Eric Andersen più toccante -, tra tante perle acustiche (una su tutte: la suite in tre parti di più di dieci minuti Shoebox Symphony, che pare a tratti una outtake di "Blonde on Blonde", arricchita da un sofisticato parterre strumentale prog-garage) appare inaspettato un brano dedicato a Kurt Cobain, The SwimmerDopo, nel terzo millennio, solo ristampe dei P.B.S. e "Wizard of Is" (Water Music Records, 2004), una compilation della band di Tom Rapp di unreleased demo and live recordings.

 

 

hqdefault                     

                                                       Pearls Before Swine (1971)

 

Pasquale Boffoli

Video

Inizio pagina