Migliora leggibilitàStampa
14 giugno 2017

Anita Pallenberg

La musa degli Stones

2017

palle                                 1944 - 2017 

 

Quando pensi al rock'n'roll lifestyle, agli anni Sessanta, a quel tipo di glam attraversato dalle droghe pesanti, pensi ai Rolling Stones, alle foto in bianco e nero con tutti loro nella villa Nellcote dove il gruppo preparò "Exile on Main Street". Pensi alle loro donne, ai figli al collo, agli aeroporti e ai backstage, a quante ne hanno vissute.

 

 

Anita Pallenberg, passata a miglior vita il 13 Giugno 2017, a 73 anni, era stata con tre di loro (Brian, Keith e Mick); da Keith Richards aveva avuto tre figli, Marlon, Angela nel(Dandelion) e Tara. Sono vite forse irreplicabili nel loro disordine e nella loro ricerca di emozioni di ogni tipo. Sangue italiano, una vita interessante anche al di fuori da quel giro, a modo suo è stata parte di una leggenda che va perdendo pagine. Uno di quei nomi che basta leggerli scritti su un libro e viaggi verso quei suoni, immediatamente.    [E.L.]

 

 

perDell'attrice nata in Italia (ex modella e disegnatrice di moda) Anita Pallenberg saranno ricordati i ruoli di The Black Queen in "Barbarella" (diretto da Roger Vadim), con Jane Fonda e di Nurse Bollock in "Candy" (alla regia Christian Marquand, con Marlon Brando e Richard Burton), due film usciti nel 1968.  Allo stesso fatidico anno risale la sua apparizione in "Performance" (titolo italiano "Sadismo", diretto da Donald Cammell e Nicholas 241Roeg), a fianco del suo amante Mick Jagger, una discussa pellicola all'insegna della perversione che la Warner Bros si deciderà a far uscire solo due anni dopo, nel 1970. 

Più di tre decenni dopo, ad inizio terzo millennio sarà Sin nel film di Abel Ferrara "Go Go Tales" (2007), Queen Elizabeth in "Mister Lonely" (Harmony Korine, 2007) ed apparirà in "Cheri" (Stephen Frears, 2009).   [P.B.]

 

 

 

 

Ermanno Labianca - Pasquale Boffoli

Video

Inizio pagina