Migliora leggibilitàStampa
10 aprile 2016 ,

Gianmaria Testa

Come fanno le mongolfiere…

2016

testa                            1958 - 2016

 

Gianmaria Testa nasce a fine anni ’50 nelle langhe in Piemonte in una famiglia che lo incoraggia a studiare musica come autodidatta. Sceglie la chitarra come strumento e inizia a comporre le prime canzoni. Nel frattempo inizia a lavorare come capostazione allo scalo ferroviario principale di Cuneo. Il viaggio sarà tema portante della sua vita. 

 

I suoi esordi musicali sono come strumentista rock. Ben presto, comunque, scoprirà la sua forte identità di solista. Partecipa e vince al Festival Musicale di Recanati negli anni ’93 e ’94. Nell’occasione un produttore francese, Nicole Courtois, comprende la sua forza espressiva e nel 1995 gli fa pubblicare il suo primo disco “Montgolfières” per l'etichetta Label Bleu (Amiens). Le esibizioni dal vivo con ottimi musicisti stranieri contribuiscono al successo di pubblico e di critica. Nel 1996 esce il secondo disco, “Extra-Muros” che inaugura la nuova etichetta dedicata alla canzone dalla Warner Music francese, la Tôt ou Tard

 

MontgolfièresDi seguito pubblica i lavori "Lampo" (1999), "Il valzer di un giorno" (2000), "Altre latitudini" (2003), "Da questa parte del mare" (2006), "Vita mia" (2011). I due live "Solo" (2009) e "Men at work" (2013) raccontano la sua carriera almeno quanto i suoi concerti: più di 3000 concerti in Francia, Italia, Germania, Austria, Belgio, Canada, Stati Uniti, Portogallo, tra teatri e festival,  piccole sale e grandi arene. A Napoli lo ricordiamo alla Galleria Toledo, il Sud è stato ancora più diffidente nei suoi confronti, almeno sino allo scoppio del grande amore con 'Na stella, delizia in dialetto scritta con Fausto Mesolella. Da ferroviere viaggiando sui binari aveva imparato a liberare i sogni nel cielo, catturando dai finestrini fermo immagine su cui costruire storie e melodie. 

 

copsmallLa canzone per lui non era un limite, era un confine da superare, come fece irrompendo nei teatri o nel mondo della narrativa per i più piccoli, privilegiando sempre collaboratori eccellenti: con Enrico Rava, la Banda Osiris e Bollani divise uno spettacolo su Buscaglione. Con Erri De Luca e Marco Paolini i palcoscenici, con Altan storie per bimbi illuminati, con Enzo Pietropaoli, Paolo Fresu, Mario Brunello, Rita Marcotulli festival ed esperimenti.

 

Sapeva farti sentire Dentro la tasca di un qualunque mattino, poteva rapirti in un Lampo discreto, ti portava a seguire Le traiettorie delle mongolfiere: tante le sue canzoni di culto, copertina-Vitamia-CDinsieme sale e balsamo sulle ferite di chi, come lui, confessava di aver vissuto. Sapeva cantare l'amore ma anche il disamore, i diseredati di ieri come di oggi. Contadini, lavoratori, N.I.P. (non important people), migranti italiani che partivano con i bastimenti da Santa Lucia e clandestini disperati su una carretta del mare con destinazione Lampedusa si incontravano in dischi che non cercavano lo slogan, ma sollecitavano il pensiero, la riflessione, ora rabbiosa, ora spaesata e malinconica.  

 

 

1

 

"Da questa parte del mare" è anche il titolo del libro di Gianmaria Testa che uscirà postumo il 19 Aprile 2016 per Giulio Einaudi Editore, con la prefazione di Erri De Luca. 

 

Il 5 Maggio 2016 inoltre debutta al Teatro Colosseo di Torino lo spettacolo "Rossintesta", che vedrà Paolo Rossi interpretare in scena le canzoni che Testa aveva scritto per lui negli ultimi due anni. L'eredità poetica di Gianmaria Testa sembra non cessare di viaggiare, "...come fanno le mongolfiere".

Antonio Rotondo

Video

Inizio pagina