Fermoposta → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
1 febbraio 2016 , ,

Hunck

NEVER HAD A DREAM

29 gennaio 2016 - Autoproduzione

Hunck NEVER HAD A DREAMSi sono formati nel 2013, sono di Londra, zona Tottenham, a formare il gruppo sono i due cantanti e chitarristi Frederik Tyson-Brown e Thomas Wykes ai quali si sono affiancati un batterista, un bassista e un altro chitarrista, a turno suonano anche il synth. Questo è il loro primo ep, fino ad ora hanno pubblicato un precedente ep uscito solo su cassetta ad agosto, dopo aver vinto un contest, hanno avuto l'opportunità di suonare a Reading, queste sono le credenziali con le quali si presentano al pubblico, aggiungiamo che il NME li ha paragonati ai Mazy Star. Insomma il mondo della musica sembra pronto ad accogliere nel migliore dei modi la band del nord di Londra, e naturalmente non è mancato chi ha già pronosticato loro un grande futuro. Ascoltando questo loro primo breve lavoro, quattro i brani presenti, i ragazzi hanno indubbiamente qualche buona freccia al loro arco, la loro proposta è un beat psichedelico che se affonda le radici nei sixties, il nome dei Beatles non è fatto a sproposito, ha anche la dolcezza romantica del dream pop e l'inquietudine dello shoegaze.

I'll Wait ha un ritornello e una melodia che ti conquistano subito e un eccellente gioco delle chitarre suonate 'guardandosi le scarpe', Up In My Sky è un delizioso dream pop con tanto di languidi coretti e un mood calmo e rilassato; la title track è il brano di punta, anche qui siamo di fronte a una melodia che si attacca addosso, mentre il testo è un omaggio alla luna, parla dell'invecchiare e del crescere con ricordi dolorosi, chiude So Far, So Deep che ricorre al falsetto e l'atmosfera si fa più scura per cantare l'immancabile tema della solitudine. In conclusione un dischetto gradevole e che fa ben sperare per il futuro. Una curiosità i Nostri hanno anche un'anima beffarda, guardate sul loro canale youtube la ricetta che propongono per un improbabile barbecue.

Ignazio Gulotta

Official       Social   


Audio

Video

Inizio pagina