fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
22 settembre 2013

Smania Uagliuns

TROGLODIGITAL

Uscita: 5 Giugno 2013 - ReddArmy Records

smaniaL’hip hop in Italia è un territorio vastissimo in cui non è facile orientarsi. E’ una dimensione creativa contraddittoria per le ragioni che tutti conosciamo. E cioè, trattandosi di un fenomeno che viene dalla stessa strada che racconta, spesso tende attraverso strategie commerciali e attitudini preconfezionate, ad ispirarsi ad icone pop ormai fin troppo parte dello stesso sistema che si vorrebbe criticare. Per fortuna l’universo rappresentato dagli Smania Uagliuns, trio lucano dagli improbabili soprannomi (The Agronomist, Pastor Flava e The Ol’Dirty Trumpet), ha bizzarre ispirazioni di giocosa irrealtà. Gli Smania Uagliuns propongono una miscela di hip hop su basi elettro-funk, attraversato da venature black e soul. Ottima e originale la miscela di sonorità elettroniche proposte. L’attitudine è cool in giusta misura e il disco in questione  è accuratamente calibrato nella commistione tra soul, rap, funk con venature acid jazz. I suoni, le cosiddette “basi” sono accuratamente tornite e variopinte. Un caleidoscopio di suoni sui quali prendono forma i testi. Questi, non la solita solfa di rime sterili e pretenziose, rispettano metriche e rime piuttosto coinvolgenti e intelligenti, tutt’altro che scontate; accattivanti sul piano lirico e commercialmente efficaci sul piano dialettico. I rimandi riportano a sonorità metabolizzate dal mondo musicale italiano negli anni 90 (vedi i Casino Royale di “Sempre Più Vicini” o, seppur lontanamente, i dimenticati Dirotta Su Cuba).

 

smaniauagliaunsNon lontani, sui piano dell’originalità, ai ben più noti Frank-HI NRG o Caparezza, gli Smania propongono una miscela decisamente originale e per nulla scontata. “TrogloDigital” è una sorta di concept album sui rapporti umani. Il contemporaneo però, come in molte opere del genere, appare goliardicamente naif e forse per questo più vicino al mondo da cui emerge. Menzione speciale va al brano Countryman, presente nel cuore dell’album. Questo secondo lavoro degli Smania Ugliuns è un accurato lavoro generato dalla ReddArmy, etichetta/collettivo che riesce a valorizzare gli sforzi compiuti dagli artisti che sostiene anche attraverso un’attraente e brillante operazione di marketing web. Pregevole lo psichedelico e spaziale digipack, ispirato ad un’inverosimile mistica post-contemporanea. Gli stessi musicisti si eleggono a un’improbabile trinità formata dai “Sacerdoti dell’umanità”, un Pastore di Anime, un Countryman e un Medico di Basi che (testuale) “praticano la Pura Elettricità: comunicazione mistica, interazione tra esseri viventi e natura, guarigione tramite le energie positive, gli scambi emozionali e la musica”. Per chi volesse documentarsi basta guardare il pregevolissimo breve mockumentary di Marco Pirrello che racconta dell’Isola-Pianeta TOTEM, luogo d’origine dei tre insoliti sacerdoti, oltre a introdurre nel loro singolare universo comunicativo.

 

Anthony Ettorre

Video

Inizio pagina