fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
27 giugno 2016 , ,

European Ghost

PALE AND SICK

6 maggio 2016 - Unknown Pleasures

Una claustrofobica passeggiata sulle miserie di una civiltà alla deriva, dilaniata nelle viscere dal consumismo e dall'isolazionismo in cui ogni singolo individuo è alienato, prigioniero in una spettrale dimensione di solitudine. Silenziose lotte urbane si sono sostituite alle bombe, ma la devastazione maggiore del post-conflitto è quella dell'animo, quella interiore. Una battaglia muta che non fa rumore. Atmosfere ansiogene, deliri sonori e trame psicotiche disegnano questi nuovi orrori moderni nel concept d'esordio del trio di origini bolognesi European Ghost intitolato “Pale and Sick”. Giuseppe Taibi (basso, drum machine, synths e drone), Cristiano Biondo (voce e testi) e Mario D'Anelli (chitarra e synths) dispensano nel loro debut album una certa naturale propensione allo sperimentalismo estremo realizzando un'opera dal forte impatto emotivo stilisticamente ancorata alla dimensione tipica dell'elettro dark wave e del caliginoso movimento post-punk. Una inclinazione sapientemente dilatata dalla mirata scelta ricaduta sul gotico art work di copertina realizzato dal conturbante pittore francese Fabien Claude.

 

Masterizzato negli studi londinesi £££ da James Aparicio (Depeche Mode, New Puritans, Liars e Grinderman) e distribuito dalla label transalpina Unknown Pleasures “Pale and Sick” si sbroglia in una track list composta da dieci brani dal sapore cupamente eighty all'interno dei quali le ossessive linee del basso ed i freddi battiti marziali della drum machine consentono raramente alla luce ed al calore di filtrare. Il recitato minimale e dolente di Biondo dilata le angosce di questo spettro europeo che ha in Preset, The Spiral, August in Winter e la title track stessa gli episodi più rappresentativi. Una convincente opera prima, di sicuro spessore internazionale, che merita molto più di un'attenzione e che esalta tecnica e creatività di questo valente ensemble emiliano. Basterà un ascolto per capire che i fantasmi evocati si sono malinconicamente materializzati. Purtroppo pallidi e malati.

Alessandro Freschi

Official      Social      Unknown Pleasure  


Audio

Video

Inizio pagina