fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
19 febbraio 2017

Requiem for Paola P.

SANGUE DEL TUO SANGUE

16 aprile 2016 - Nulla Officine Discografiche - Imbecillity Kills

 

Il comunicato stampa parla di un lavoro molto legato a temi quali le origini, la terra e le radici. In altre parole, la Natura. Sei anni di silenzio e una formazione rimaneggiata. I Requiem for Paola P. tornano con il loro terzo album in quasi dieci anni di attività. “Sangue del tuo sangue” si presenta fin dal titolo come un disco viscerale, tutto nervi e sudore. La copertina, d’altronde, mette subito le cose in chiaro. L’inizio affidato a Del nostro parlare moderno è una sorta di conto alla rovescia che esplode fragoroso, cui segue la potentissima Un’ora d’armi. Ha così inizio un disco denso, cupo, fatto di accelerazioni e chitarre incisive, con basso e batteria sempre in primo piano. Non mancano le sferzate dei synth, che conferiscono al disco una dinamicità ulteriore. La matrice è quella di un hardcore incendiario, con una cura dei particolari davvero eccezionale.

 

reqI ragazzi ci mettono tutte le energie necessarie. Il risultato è in questi dieci episodi intensi, dove i quattro trovano anche spazio per un piccolo cambio di registro (il tex-mex di Tutti questi piccoli cavalli). Sangue del tuo sangue è un disco che cresce man mano; le cose migliori arrivano verso la seconda parte da brani come Nulla va lasciato (tra i denti), Alluvioni cambiò, Nel gorgo, muti, in cui strumentazione e voce sembrano trovare la giusta dimensione. Ma sono le chitarre il vero punto di forza dell’intero disco. Brani dai testi spigolosi e una produzione eccellente fanno di questo nuovo album una delle cose migliori di certo rock alternativo targato made in Italy.

Michele Passavanti

Social    


Audio

Video

Inizio pagina