fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
25 giugno 2018 , ,

Never Hide

NEVER HIDE

7 dicembre 2017 - Autoproduzione

Un rock potente e chitarristico imparentato fortemente con il grunge degli anni novanta e con i Pearl Jam in particolare, è quello che troviamo in questo album omonimo al nome della band milanese Never Hide. Brani tutti molto tirati e arrembanti, tranne l’ottima ballata quasi acustica Lotus, che grazie anche alla voce di Pietro Mercurio, vedderiana come non mai, si avvicina non poco a Seattle e dintorni. Non c’è una briciola di originalità in queste canzoni e la parola clonazione, riferita ai Peal Jam, viene costantemente in mente, ma per una volta non si tratta di un difetto; la qualità è notevole: i brani sono assolutamente buoni, ben eseguiti, con brevi e radi soli di chitarra gustosissimi e con un bel suono che non ha niente da invidiare ai gemelli diversi e immensamente più famosi d’oltre oceano. Niente di nuovo sotto il sole del rock, ma i patiti del grunge troveranno un ottimo pane per i loro denti e parecchie squisitezze da gustare con piacere, anche se il tutto è, come detto, altamente derivativo e ci si potrebbe chiedere il senso di tale operazione-clonazione considerando che i Padri sono ancora in giro a dispensare la musica che li ha resi celebri, ma non lo facciamo e ci riascoltiamo l’album per l’ennesima volta.

Maurizio Pupi Bracali

Social      


Audio

Video

Inizio pagina