fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
1 luglio 2016

Silvereight

LEFT HAND

10 giugno 2016 - Riff Records

Secondo album per i Silvereight, progetto solista di Federico Silvi già con i Radiotower ed i Jackie-O's Farm (candidatura al David di Donatello  per un brano inserito nella colonna sonora de  "Il capitale umano" di Paolo Virzì nel 2014). A differenza del disco d'esordio, in cui l'elettronica poteva essere la luce guida,  il chitarrista e cantante livornese ci offre, nel nuovo "Left Hand", nove tracce tracimanti rock-blues, grunge, pop psichedelico, in questo meravigliosamente supportato da Gianni Niccolai al basso e Federico Melosi alla batteria.

 

La formula del power trio funziona alla grande sin dall'iniziale, irresistibile Cruel. Seattle è dietro l'angolo e la struggente From Space ne è prova tangibile. Sonorità acide che evocano Soundgarden o Alice in Chains regalando flash emozionali di rara bellezza. Assolutamente da brividi la straordinaria Wide Heart, ballad per chitarra acustica, voce e i superbi arrangiamenti per synth, maculazioni elettroniche e basso di Daniele Catalucci dei Virginiana Miller. Le scalene asimmetrie ritmico/armoniche dei più adrenalinici Led Zeppelin si materializzano nella incandescente Black Day mentre la devastante ed ebbra purezza elettrica di Same profuma di Husker Du e Neil Young.

 

L'ottimo lavoro al banco di Alessandro Sportelli presso il West Link Studio di Cascina rende il disco, se possibile, ancora più coinvolgente garantendo una fruibilità acustica di gran livello. E brani come 8 o la quasi beatlesiana Love si amalgamano benissimo con episodi al limite dell'hard rock come Propaganda (Jimmy Page accarezzava le dita di Federico?) o il respiro folk/onirico della conclusiva Deep Inside. Ottimo lavoro.

Maurizio Galasso

Social     


Audio

Video

Inizio pagina