fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
27 luglio 2017

Andrea Salini

LAMPO GAMMA

2017 - Ticketbus Edizioni Musicali

salini coverSe dovessimo dar credito al fantascientifico titolo di questo mini album, a quelli dei sette brani in scaletta e alla fumettisticamente astrale copertina, verrebbe da pensare che una volta dediti all’ascolto, potremmo venire proiettati negli spazi siderali del cosmo più profondo. Non è proprio così: non c’è musica più terrestre di quella contenuta in "Lampo Gamma", terzo CD del giovane cantante e chitarrista romano Andrea Salini; e per terrestre intendiamo quella parte di mondo oltreoceano che ha visto fiorire piante rock‘n’roll ben radicate nel sottosuolo americano quali The Band, gli Heartbreakers di Tom Petty, e i Creedence Clearwater Revival questi ultimi qui omaggiati con una sfolgorante e grintosa versione della loro Bad Moon Rising.

La tirata Strange Days e la bellissima ballata Distant Planets risvegliano bruscamente e felicemente Mark Knopfler dal torpore narcolettico dei suoi ultimi album, Hendrix Funk (The Comet) tiene fede al titolo funkeggiando a dovere senza concessioni alla black music ma restando sulla fertile terra americana, The Martian è una cavalcata strumentale andrea-salini-okchitarristica dal riff assassino. Quindi The Moon, una splendida e lenta ballata che piacerebbe a Steven Wilson e alla quale spetta la palma d’oro della migliore del lotto e Space Anthem, altro brevissimo strumentale, che a dispetto del titolo evoca più le praterie nordamericane che gli spazi cosmici. La bellezza intrinseca delle canzoni, una produzione perfetta con suoni smaglianti, gli arrangiamenti intelligenti e i vari assoli di chitarra incisivi e ficcanti, conferiscono a questo prodotto una caratura  di livello internazionale facendone risaltare tutto l’indiscusso valore nonostante l’assoluta non originalità. Difficile trovarvi dei difetti se non la brevità di meno di mezz’ora.

Maurizio Pupi Bracali

Video

Inizio pagina