fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
19 dicembre 2018 ,

Rainbow Bridge

LAMA

2018 - Autoproduzione

rainbow bridge lamaA un anno dall’esordio discografico con “Dirty Sunday”, il trio barlettano Rainbow Bridge torna sulle scene con “Lama”, lavoro anticipato dal precedente EP “Words”. Si tratta di un lavoro concettualmente diverso dal precedente, pur ricalcandone lo stile e l’intenzione: lì dove “Dirty Sunday” altro non era che una sessione d’improvvisazione con il tasto “rec” abbassato, questo nuovo episodio sembra più strutturato e organico. Il fil rouge che tiene legato tutto il disco è sempre quel blues-rock di chiarissima matrice hendrixiana, con altrettanto evidenti e pregevoli riferimenti al desert-rock e all’hard rock. Quasi 39’ per soli sei brani: più che un indizio sulla forte impronta d’improvvisazione che la band ha voluto lasciare al lavoro, in cui si alternano all’interno degli stessi brani (The Storm is Over, Day After Day, No More I’ll Be Back) lunghissime divagazioni strumentali e interventi della voce di Giuseppe JimiRay Piazzolla (chitarra di questo originale e pregevole progetto-tributo all’eredità di Jimi Hendrix, con Fabio Chiazzo al basso e Paolo Ormas alla batteria). Nota di merito per il brano interamente strumentale Lama (che apre il disco) e per Words, momento di vera esplosione hard-rock, dove s’incontrano Hendrix e i Deep Purple. Un ottimo disco, che conferma la crescita di questa ispiratissima band pugliese.

 

Riccardo Resta

Official    Social    


Audio

Inizio pagina